‘Mai più social senza documento d’identità’, la proposta di Marattin (Iv)

Il deputato di Italia viva Luigi Marattin è al lavoro per arrivare ad una legge che renda obbligatoria la registrazione di un documento di identità per aprire un profilo social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Da oggi al lavoro per una legge che obblighi chiunque apra un profilo social a farlo con un valido documento d’identità. Poi prendi il nickname che vuoi (perché è giusto preservare quella scelta) ma il profilo lo apri solo così“. Lo scrive su facebook Luigi Marattin, deputato di Italia viva.

“Troppo a lungo- aggiunge- abbiamo scambiato la (sacrosanta) libertà di espressione con qualcosa di estremamente diverso. Ed estremamente pericoloso. Ora basta”. E conclude: “È un tema che pongo da diverso tempo, regolarmente. Ieri lo scrivevo su un altro social network. Uno dei commenti che più mi ha stupito è di uno che ha scritto ‘ma non potete farlo, vi rendete conto? Così i politici potranno querelare più facilmente chi li insulta!‘. Poi un giorno, con calma, mi spiegherete come siamo arrivati a questo punto”.

BOLDRINI A MARATTIN: NON BASTA DOCUMENTO, SERVE LEGGE

“Il problema posto da Marattin esiste: bisogna arginare odio online. Eliminare anonimato non e’ pero’ la soluzione anche perche’ spesso, chi insulta, non si nasconde. Serve legge che imponga rimozione dei contenuti illeciti e, soprattutto, serve tanta educazione civica digitale”. Lo scrive su twitter la deputata Pd Laura Boldrini.

LEGGI ANCHE “Adesso basta”: Boldrini denuncia gli haters

MUCCINO: DOCUMENTO IDENTITÀ PER BOLLINO ‘BLU’ A TUTTI

“Subito, al più presto, occorre una legge che obblighi chiunque apra un account social a registrarlo solo tramite l’invio di un documento di identità. Sapremo solo così chi si nasconde dietro la rete commettendo reati penali sotto l’impunità dell’anonimato”. Lo ha scritto ieri il regista Gabriele Muccino, che oggi torna sul tema con un altro tweet: “Mi spiego ancora meglio: per avere il bollino ‘blu’ di certificazione sui social, io ho dovuto inviare copia del mio documento e dimostrare che quel Gabriele Muccino non fosse un fake ma fossi realmente Io. Come dice Emma Marrone, ‘bollettizziamoci’ tutti“.

VIDEO | Emma Marrone risponde agli insulti: “Stiamo annegando nell’odio, ma non sarò mai come loro”


GIACOMELLI (PD): SAREI CAUTO SU DOCUMENTO IDENTITÀ

“Sarei molto cauto sulla idea di una norma che obblighi chiunque apra un account social a fornire un documento di identità. Sia in termini di principio, sia per controindicazioni non facili da superare sia per la dubbia efficacia verso gli obiettivi che si vogliono centrare”. Lo scrive su twitter Antonello Giacomelli, deputato Pd, commentando la proposta di Luigi Marattin (Italia viva), di rendere obbligatorio l’uso di un documento di identità per chiunque apra un profilo sui social.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»