Uganda, Campagna Afron: “740 donne visitate e 29 difese dal cancro”

Andriani (presidente): "Salvarle vuol dire salvare le loro famiglie"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print







Precedente
Successivo

ROMA – Sono state 740 le donne che da lunedi 21 a giovedi 24 ottobre hanno aderito alla campagna di screening ginecologico e senologico che l’associazione Afron ha portato in Nord Uganda, precisamente al Lacor Hospital, nel distretto di Gulu, e nei villaggi rurali di Amuru, Pabbo e Opit. Tutte sono state sottoposte al Via Test e di queste il 4% è risultato positivo al successivo Pap Test di controllo.

I RISULTATI DELLO SCREENING

A 23 donne sono state riscontrate lesioni precancerose della cervice uterina di basso grado (LSIL), che verranno trattate con il dispositivo di crioterapia donato al Lacor Hospital grazie al contributo di Afron e dell’Associazione Malati Oncologici Colon-Retto (Amoc). A 4 donne è stata diagnosticata una lesione di alto grado (HSIL) e queste saranno sottoposte a isterectomia. In totale, grazie a questo screening, 29 donne hanno potuto difendersi dal cancro. Sono stati diagnosticati anche 4 casi di cancro avanzato: 3 della cervice uterina e 1 della mammella.

“Un Via Test – ha spiegato la presidente di Afron, Titti Andriani – costa 3mila scellini ugandesi, l’equivalente di 75 centesimi di euro. Nessuna donna in queste zone del Nord Uganda puo’ permetterselo. Salvare queste donne – ha concluso – vuol dire salvare 29 famiglie, tenendo conto che in queste aree le donne sono anche quelle che lavorano nei campi insieme agli uomini e provvedono spesso al sostentamento della famiglia, oltre a provvedere all’accudimento dei figli”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»