M5S, la rabbia della senatrice Fattori: “Facciamo cose da rincorrerci con i forconi”

"Ma io non ho nessuna intenzione di andarmene. Se saró espulsa per eccesso di coerenza faró ricorso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dall’alleanza mascherata con la Lega a un presidente del Consiglio “totalmente sconosciuto”; da un ministro della Famiglia “omofobo” al via libera a Tap, Ilva e forse pure Tav. Per non parlare del “condono fiscale” e di quello edilizio. Tutte cose per cui il Movimento cinque stelle meriterebbe di essere “rincorso con torce e forconi”. La senatrice del Movimento Elena Fattori, vicepresidente della commissione Agricoltura, si sfoga sull’Huffington Post.

Leggi anche: Di Maio: “M5S sotto attacco totale, chi si sfila ne renderà conto”

Scrive: “Immaginate se in uno dei tanti comizi e convegni appena qualche mese fa avessi raccontato questo: ‘Il Movimento 5 stelle non fa alleanze, ma noi cambieremo il termine, ci alleeremo con la Lega e chiameremo questa alleanza ‘contratto’. Ricordate la bella presentazione dei ministri 5 stelle che vi avevamo chiesto di votare? Perché il Movimento presenta la sua squadra prima delle elezioni così il popolo può scegliere i suoi ministri. Ecco, non c’entra niente con la squadra di governo che verrà, ma voi non ci farete troppo caso”.

“Avremo- continua Fattori- un presidente del Consiglio non eletto dal popolo a voi totalmente sconosciuto, come ministro dell’Interno Matteo Salvini, e un ministro della Famiglia ‘tradizionale’ forse un po’ omofobo, ma pazienza. Poi diremo sì alla Tap, si all’Ilva, valuteremo costi/benefici per decidere sulla Tav e anche sul Ceta ci ragioneremo. Faremo un condono fiscale e uno edilizio. Ed eleggeremo come presidente del Senato una berlusconiana doc”.

“Per quanto riguarda il tema migranti- aggiunge ancora la senatrice M5S- scordatevi il saggio piano 5 stelle di accordi con i paesi di provenienza, lo smantellamento dei grandi e orribili centri di accoglienza che generano conflitti sociali e disagi per i cittadini. Scordatevi la gestione pubblica dell’accoglienza diffusa, i tempi rapidi per le domande di asilo che consentano di rimpatriare chi non ha diritto ed accogliere con dignità i rifugiati. Toglieremo la gestione di migranti ai Comuni e la affideremo ai privati senza gara di evidenza pubblica raddoppiando i tempi di permanenza da nove a diciotto mesi, favorendo così il business dell’immigrazione. Doneremo 150.000 nuovi clandestini alla criminalità organizzata per il lavoro nero e lo spaccio. Chi invocherà il rispetto del programma 5 stelle rischierà sanzioni e persino di essere espulso per non contrariare l’alleato Salvini”.

Evidentemente scontenta della piega che ha preso l’esperienza di governo gialloverde, Fattori conclude: “Mi avrebbero preso per folle o per lo meno mi avrebbero rincorso con torce e forconi. Ma io non ho nessuna intenzione di andarmene. Se saró espulsa per eccesso di coerenza faró ricorso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»