“Bologna meine stadt”, l’inno d’amore austriaco (da milioni di visualizzazioni)

"Se qualcuno ti chiede dove vai, dici Bologna", recita la canzone (d'amore) nel ritornello della canzone incisa dal gruppo austriaco 'Wanda'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – I tetti rossi, San Petronio, lo skyline con la torre degli Asinelli. E poi via Rizzoli (prima del ‘cantierone’) come sfondo alle prodezze canore del frontman. E’ “Bologna“, una dichiarazione d’amore in musica (pop) quella del gruppo austriaco Wanda alla città delle Due Torri. “Bologna, meine Stadt”, la mia città, recita il titolo del pezzo che, come spiega Apt, spopola da tempo nelle radio di lingua tedesca.

“Se qualcuno ti chiede dove vai, dici Bologna”, recita la canzone (d’amore) nel ritornello. Recentemente il pezzo viene riproposto sull’emittente tedesca della Renania settentrionale-Vestfalia ‘Radio 1LIVE’ (che appartiene alla radio nazionale “WDR”) durante la trasmissione giornaliera “1Live” rivolta ad un pubblico giovane con una media oraria di 947.000 ascoltatori. Il video pubblicato su Youtube ha totalizzato più di 3,3 milioni di visualizzazioni. I Wanda hanno ottenuto un grande successo con “Bologna”, che è stato nella chart austriaca, ed è uno degli estratti del loro primo album intitolato, non a caso, “Amore” (uscito l’anno scorso). I fan della band fanno risalire il titolo del pezzo a un affetto nato per Bologna durante un’esperienza Erasmus di uno dei musicisti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»