Giovane e sindaco, Del Prete (Frattamaggiore): “Rinuncio a metà del mio stipendio per aiutare i poveri”

Quando tutta l'attenzione dell'opinione pubblica e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

marco del prete_sindaco frattamaggioreQuando tutta l’attenzione dell’opinione pubblica e di parte della politica nazionale e’ concentrata sulle vicissitudini di un sindaco-chirurgo alle prese le ‘beghe’ interne al proprio partito, a far notizia potrebbe essere un gesto di un suo alter ego di un Comune nel napoletano. Marco Antonio Del Prete, giovane primo cittadino di Frattamaggiore (di professione medico all’ospedale Cardarelli) ha infatti deciso di dimezzarsi l’indennita’ mensile che gli spetta di diritto e di devolvere la somma ad un fondo da istituire “per azioni di contrasto alla poverta’”.

“Non potendo prendere un’aspettativa dal mio lavoro- ha detto il sindaco del Partito democratico all’agenzia DIRE- ho deciso di muovermi autonomamente creando un fondo apposito. Come ho piu’ volte affermato, faccio politica per passione non per tornaconti personali e di guadagno”.

Un’iniziativa, quest’ultima, che va ad aggiungersi ad altri piccoli, significativi gesti: “Da subito- ha aggiunto Del Prete- ho rinunciato all’auto blu e ad altri privilegi e mi auguro che anche altri seguano il mio esempio indipendentemente dall’appartenenza politica”.

Riferimento al Movimento 5 Stelle? “La rinuncia a stipendi e ad altre forme di retribuzione e privilegi e’ chiaramente una cosa di cui si assumono la paternita’- ha concluso- io nella mia decisione non mi sono ispirato a loro ma esclusivamente alla mia coscienza, cio’ non toglie che se alcune buone azioni vengono anche da altri partiti e’ giusto prenderle come esempio”.

di Ugo Cataluddi – giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»