hamburger menu

Super artigiani in pensione donano al Comune il restauro delle sedie nobili

MODENA – Ormai sono andati in pensione, ma come “ultimo atto dell’attività di una vita” hanno voluto fare dono delle loro competenze artigiane al Comune di Vignola, nel modenese. I protagonisti sono i tappezzieri Ivo Mandrioli e Romano Tuffacchi: hanno appena riconsegnato, in municipio, quattro sedie di rappresentanza che si trovano nella sala della giunta, […]

Pubblicato:29-09-2022 18:10
Ultimo aggiornamento:29-09-2022 18:10
Canale: Emilia Romagna
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

MODENA – Ormai sono andati in pensione, ma come “ultimo atto dell’attività di una vita” hanno voluto fare dono delle loro competenze artigiane al Comune di Vignola, nel modenese. I protagonisti sono i tappezzieri Ivo Mandrioli e Romano Tuffacchi: hanno appena riconsegnato, in municipio, quattro sedie di rappresentanza che si trovano nella sala della giunta, a cui hanno rifatto completamente il rivestimento riportandole al loro originale splendore. D’accordo con la sindaca Emilia Muratori, è stata scelta una tappezzeria blu damascata che si coordina bene, hanno pensato in Comune, con il tipo di mobilio e i colori della sala. “Desidero ringraziare di cuore Mandrioli e Tuffacchi- ha commentato la sindaca appena ha visto le sedie rimesse a nuovo- che hanno fatto davvero un lavoro sopraffino, come d’altronde hanno dimostrato in più occasioni nel corso della loro vita lavorativa“.

Negli anni, infatti, questi artigiani vignolesi sono stati chiamati a intervenire sul mobilio d’epoca di palazzi pubblici e privati di prestigio. “Grazie, quindi- ha concluso Muratori- per aver voluto chiudere la loro carriera con un omaggio a tutta la comunità vignolese”. Le quattro sedie sono di nuovo collocate in sala giunta, una di quelle dove si celebrano i matrimoni e che possono essere visitate nei fine settimana in cui Villa Tosi-Bellucci viene aperta al pubblico: accadrà sabato 8 e domenica 9 ottobre, in occasione di “Autunno a Vignola”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-09-29T18:10:47+01:00