Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

YouTube, stretta contro le fake news: vietati i video di disinformazione sui vaccini

youtube
L'azienda ha annunciato che rimoverà tutti i contenuti che affermano che i vaccini, non solo quelli anti-Covid, sono pericolosi per la salute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da oggi YouTube ha deciso di vietare l’accesso alla sua piattaforma a diversi importanti attivisti contrari alla vaccinazione. Tra questi figurano gli account di Joseph Mercola e Robert F. Kennedy Jr. Lo ha annunciato la stessa piattaforma di video-sharing, spiegando che si tratta di un’azione volta rimuovere tutti i contenuti che affermano falsamente che i vaccini approvati per contrastare il Covid-19 sono pericolosi.


YouTube ha informato di aver rimosso nell’ultimo anno oltre 130.000 video che avrebbero violato le sue politiche sui vaccini anti Covid-19. Un numero che non includeva quelli che la piattaforma video definiva ‘video borderline’, che si soffermavano sullo scetticismo sui vaccini. In passato, l’azienda rimuoveva semplicemente tali video dai risultati di ricerca e dai consigli, promuovendo nello stesso tempo filmati di esperti e istituzioni appartenenti alla sanità pubblica.


In un post sul proprio blog, YouTube ha affermato che rimuoverà i video che sostengono che i vaccini non riducono la trasmissione o la contrazione della malattia e i contenuti che includono disinformazione sui contenuti dei vaccini. Verranno inoltre rimosse le affermazioni secondo le quali i vaccini approvati provocano autismo, cancro o infertilità.

La piattaforma, di proprietà di Google, ha imposto un simile divieto non solo alla disinformazione sui vaccini contro il Covid-19. La nuova politica si riferisce infatti anche alle affermazioni fuorvianti sui vaccini già approvati, come quelli contro il morbillo e l’epatite B, nonché alle notizie false relative ai vaccini in generale. YouTube ha poi reso noto che potranno invece rimanere sul sito le testimonianze personali relative ai vaccini, i contenuti sulle politiche sui vaccini, i nuovi studi sui vaccini e i video storici sui successi o sui fallimenti dei vaccini.


“L’aggiornamento sulla nostra piattaforma rappresenta un passo importante per affrontare la disinformazione sui vaccini e sulla salute – si legge nella nota di YouTube – e continueremo a investire su tutta la linea in politiche che forniscano ai suoi utenti informazioni di alta qualità“. Per anni coloro che si sono occupati di disinformazione hanno indicato una proliferazione di contenuti anti-vaccino sui social network come un fattore nell’esitazione a sottoporsi alla somministrazione del vaccino, incluso il rallentamento dei tassi di adozione del vaccino contro il Covid-19 negli Stati più conservatori. I report hanno dimostrato che i video di YouTube spesso fungono da fonte di contenuti che, successivamente, diventano virali su piattaforme come Facebook e Twitter, a volte accumulando decine di milioni di visualizzazioni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»