Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Comunali Napoli, Maresca: “Consenso crescente, vincerò al primo turno”

catello maresca-min
Ne è convinto il candidato sindaco di centrodestra, intervistato dall'agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Io mi aspetto di vincere al primo turno. Vedo un consenso crescente, in tutte le zone dove vado le persone sono entusiaste del nostro progetto e della vera novità che noi rappresentiamo”. Ne è convinto il candidato sindaco di centrodestra a Napoli Catello Maresca, intervistato dall’agenzia Dire. “In città c’è una grande voglia di cambiamento e oggettivamente siamo l’unico vero progetto nuovo – osserva il magistrato in aspettativa -, diverso da quello che ci ha amministrato negli ultimi trent’anni. L’unica novità rispetto ai disastri che ci ha lasciato la sinistra. Vedo un crescente consenso, le persone si stanno informando prima di votare. E, quando si informano, non possono che scegliere noi”. 

“ASSENZA LEADER? IL NOSTRO CIVISMO È AUTENTICO

“Il nostro è un autentico progetto civico, credo che questo ne sia la certificazione”. Risponde così Maresca in merito all’assenza dei leader del centrodestra agli eventi di chiusura della campagna elettorale in città. Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani saranno insieme sia a Roma che a Milano, mentre non sono previsti loro interventi per la volata finale nel capoluogo campano.

“È chiaro che i partiti ci accompagnano, ma – sottolinea Maresca – i leader non potranno essere in tutte le città contemporaneamente. Hanno scelto i luoghi dove c’è un progetto politico, a Napoli c’è questa grande ventata civica che si è determinata attorno alla nostra idea e va avanti pur con il rispetto che sempre abbiamo tenuto per i partiti con i quali collaboriamo sul territorio, con cui andiamo avanti e puntiamo davvero a conseguire un grande risultato”.

Il magistrato in aspettativa assicura che la collaborazione con i leader del centrodestra prosegue, nonostante la lista della Lega (Prima Napoli) sia stata esclusa dalla competizione elettorale. “Se ho sentito Matteo Salvini? Ci siamo scritti, io e i leader nazionali dei partiti – assicura – ci scriviamo spesso. Per me dopo l’esclusione della lista non è cambiato nulla. Andiamo avanti, il progetto è sempre lo stesso e lo porteremo a termine con successo. Di questo ne sono convinto”.

Dopo l’esclusione di Prima Napoli, ma anche delle civiche di diretta emanazione del candidato sindaco (“Catello Maresca” e “Maresca sindaco”) e della lista del partito Animalista “siamo ancora più uniti, ora siamo una squadra ancora più determinata e forte. Nelle difficoltà – osserva Maresca – si cementano i rapporti. Noi abbiamo avuto la certezza e la consapevolezza reale del fatto che il nostro fosse un progetto serio, un progetto che coinvolge tutti i candidati, anche quelli esclusi, che io chiamo ancora candidati perché li incontro tutti i giorni e continuano a fare le stesse cose che facevano prima. Questo significa che credono nel progetto e hanno la determinazione e la voglia di portarlo avanti”.

LEGGI ANCHE: Comunali Napoli, escluse due liste di Maresca e una di Clemente

DE LUCA MANTERRÀ IMPEGNO, COLLABOREREMO

“Le cinque priorità per Napoli? In realtà – riflette Maresca – ce ne sono tantissime, ma le prime a cui penso sono queste: pulizia, sicurezza, verde, innovazione e questione bilancio. Queste sono le prime cose che dovremmo affrontare immediatamente per rimettere in moto la città, per riprendere a fare economia e portare sviluppo economico e lavoro. Questi sono i primi temi di cui ci occuperemo”. “Un Comune come quello di Napoli – sottolinea il magistrato in aspettativa – si governa con tanta competenza, professionalità, recuperando i rapporti istituzionali con gli enti superiori, la Regione Campania, il governo, l’Unione europea. Ma anche mettendoci dentro tanta passione, mettendoci dentro tutto quello che abbiamo, tutto quello che io personalmente ho sempre messo nel servizio pubblico che ho reso fino a qualche mese fa”. “Il fatto che il governatore Vincenzo De Luca si sia speso per la campagna elettorale a sostegno di Manfredi? Questo – risponde – non mi stupisce. Sono dello stesso partito, è chiaro che possano fare cose insieme, ma sono altrettanto sereno del fatto che quando sarò sindaco di Napoli, da rappresentante delle istituzioni, il presidente De Luca ricorderà l’impegno, già espresso qualche tempo fa, di collaborare e fare le cose nell’interesse dei napoletani, che è l’unica cosa che deve stare a cuore alle istituzioni”.

LEGGI ANCHE: Comunali Napoli, 7 candidati sindaco e 32 liste: ecco la scheda elettorale

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»