Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sabato e domenica a Civitavecchia il Festival di Cultura giapponese

giappone
Sono 50 anni che la cittadina laziale e quella giapponese di Ishinomaki sono gemellate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si terrà sabato e domenica prossimi, nel fine settimana dal 2 al 3 ottobre, il Festival di Cultura giapponese, organizzato dal Comune di Civitavecchia e dall’Associazione ‘Amici di Ishinomaki’, con la collaborazione, tra gli altri, dell’Ambasciata del Giappone in Italia, dell’Istituto Giapponese di Cultura e della sede di Roma dell’Ente Nazional e del Turismo Giapponese (JNTO), e il sostegno della Cassa di Risparmio di Civitavecchia.

L’evento in occasione del 50mo anniversario del gemellaggio tra il Comune in provincia di Roma e la citta di Ishinomaki. Molti gli ospiti che animeranno la kermesse, tra cui spiccano l’Ambasciatore del Giappone in Italia, Hiroshi Oe, e il Sindaco di Civitavecchia, Ernesto Tedesco. Civitavecchia e Ishinomaki, due città portuali, hanno sancito nel 1971 un legame profondo, che affonda le proprie radici nella storia e verrà rinnovato nella due giorni.

giappone
Tè giapponese

Rappresentano, infatti, rispettivamente, il punto di partenza e di approdo dell’ambasceria Keicho, missione guidata dal samurai Hasekura Tsunenaga su inziativa del signore feudale Date Masamune, salpata nel 1613 dal Giappone e giunta due anni dopo proprio nella città sulla costa laziale.

Nel 2011, quando Ishinomaki fu colpita da uno tsunami che causò oltre 20mila vittime, Civitavecchia si mobilitò per prima con iniziative di raccolta fondi per aiutare la città giapponese duramente ferita. Un gemellaggio lungo mezzo secolo, nel quale si sono visti centinaia di iniziative, eventi e scambi culturali tra le due popolazioni.

Il Festival di Cultura Giapponese si svolgerà presso la Cittadella della Musica ed aprirà le sue porte la mattina di sabato 2 ottobre con l’esposizione di bonsai, a seguire mostre fotografiche, conferenze e spettacoli. Diverse le esibizioni culturali di grande interesse, tra le quali spiccano quella del capo della missione diplomatica nipponica in Italia, l’Ambasciatore Oe, che si esibirà in prima persona al pianoforte nel pomeriggio della giornata d’apertura, le dimostrazioni di ikebana, arte della composizione floreale, e la cerimonia del te, in programma domenica 3 ottobre. L’Ente Nazional e del Turismo Giapponese- JNTO, inoltre, sempre domenica, alle ore 12.00, proporrà un evento a ingresso libero dedicato alla promozione del Tohoku, regione in cui si trova Ishinomaki, con degustazione di prodotti tipici del luogo.

Eventi per cui è necessaria la prenotazione tramite l’Ambasciata del Giappone scrivendo un’email all’indirizzo: [email protected]

ikebana
Ikebana

– sabato 2 ottobre 2021 Auditorium Morricone ore 17.00, concerto per pianoforte dell’Ambasciatore del Giappone, Hiroshi Oe;

– domenica 3 ottobre 2021 ore 11.00, Sala Molinari, dimostrazione di ikebana a cura dell’Ohara A.L.U. Study Group e dell’Istituto Giapponese di Cultura in Roma; ore 17.00, dimostrazione di cerimonia del tè a cura del Centro Urasenke di Roma e dell’Ambasciata del Giappone (ingresso gratuito, prenotazione e green pass obbligatori).

Per informazioni e prenotazioni in merito agli altri eventi della kermesse è possibile contattare l’Associazione Amici di Ishinomaki al numero +39 3921606477 o scrivere un’e mail all’indirizzo [email protected] Pagina Facebook: https://www.facebook.com/festivaldiculturagiapponese

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»