Cinema, alla sesta edizione del Mia metà dei progetti è di registe

La manifestazione dedicata all'audiovisivo si terrà a Roma dal 14 al 18 ottobre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Appuntamento ormai imperdibile nelle agende dei leader mondiali dell’industria audiovisiva, la sesta edizione del Mia|Mercato internazionale audiovisivo si svolgerà dal 14 al 18 ottobre 2020 a Roma, nei consueti spazi di Palazzo Barberini, in un ambiente protetto e Covid proof, pronto ad accogliere in totale sicurezza l’industria nazionale e internazionale, la cui partecipazione si preannuncia già numerosa. All’attività on-site si aggiungerà quella online sulla piattaforma Mia digital, fondamentale strumento a potenziamento dell’esperienza di mercato.

Come ogni anno il Mercato offrirà a progetti selezionati l’opportunità di essere presentati nell’ambito del Co – production market e pitching forum di fronte a un pubblico di key players nazionali e internazionali. La ricca line-up di quest’anno, che ammonta a 50 progetti totali da più di 20 Paesi tra film, serie tv e documentari, conferma ancora una volta il ruolo fondamentale svolto dal Mia nel supportare la coproduzione, il finanziamento e la diffusione dei più interessanti contenuti premium in arrivo. Il 50% dei 16 progetti del Mia|Film coproduction market, provenienti da 14 Paesi, è di registe donne, a riprova dell’impegno del Mercato a favore dell’inclusività e della valorizzazione del lavoro femminile.

Tra i titoli di quest’anno: AMOR Y DOLOR di Emanuele Scaringi (Diaz, La profezia dell’armadillo), prodotto dalla Fandango di Domenico Procacci; THE BEAUTIFUL SUMMER di Laura Luchetti (Fiore gemello); THE LAST SHOT dal regista de La Casa di carta, Alex Rodrigo; THE SORCERERS di Christopher Murray (Propaganda, El Cristo Ciego), prodotto dalla Fabula di Juan de Dios e Pablo Larrain, acclamato regista di Jackie e Neruda.

Altra grande novità dell’edizione 2020 è rappresentata dal ciclo di incontri ‘The producer’s keynote’, organizzata dalla sezione Mia|Drama, curata da Gaia Tridente: una serie di interviste in esclusiva a protagonisti internazionali dell’industria, trasmesse in streaming sulla piattaforma Mia Digital e dal vivo presso la sede di Palazzo Barberini. Il primo incontro sarà, non a caso, con uno dei più importanti produttori hollywoodiani, Michael Ellenberg, fondatore e ceo di Media Res. Michael è stato Head of Drama per Hbo, commissionando serie di grande successo come Westworld, Big Little Lies, True Detective, The Young Pope. Tra i film, ha prodotto Prometheus di Ridley Scott, Cyrus, con John C. Reilly e Jonah Hill, e Robin Hood, con Russell Crowe e Cate Blanchett. Con Media Res, Michael si è fatto immediatamente notare come produttore internazionale: la sua prima serie per AppleTV+ è stata The Morning Show, con Reese Witherspoon e Jennifer Aniston, acclamatissima da critica e pubblico. Recentemente Michael ha prodotto Scenes from a Marriage per Hbo, il rifacimento del classico film di Ingmar Berman in versione mini-seriale, con Michelle Williams e Oscar Isaac.

Il secondo appuntamento della serie ‘The producer’s keynote’ sarà con Stephen Cornwell, co- fondatore e co-ceo di The Ink Factory, con il fratello Simon. Nell’incontro al Mia Drama, in collegamento da Los Angeles, Stephen ripercorrerà i maggiori successi della sua carriera e racconterà della nuova attesissima serie The Spy Who Came in From the Cold, basata sull’omonimo romanzo di Le Carré.

Anche quest’anno il Drama pitching forum presenterà, inoltre, una line up di contenuti imperdibili, con un totale di 15 progetti provenienti da 11 Paesi. Tra i titoli: MISS FALLACI TAKES AMERICA, creata da Alessandra Gonnella e scritta in collaborazione con Justin Trefgarne e Edoardo Perazzi, storia del viaggio in America della giovane giornalista Oriana Fallaci, ispirata a fatti realmente accaduti nel 1958; CULT, la serie creata da Francesco Patierno e Sergio Nazzaro; KING OF FORTUNE, un’epica europea creata e scritta da Selene Fanuzzi e Carla Giulia Casalini; COURTESANS, serie creata da Anya Camilleri, un emozionante giro in giostra tra gli intrighi sessuali e sentimentali di una corte rinascimentale tra scandali, corruzione e divertimento.

La sezione Mia|Doc, curata da Marco Spagnoli, propone la presentazione del Secondo rapporto Apa dedicato al mondo dell’audiovisivo che include per la prima volta dati sul cinema del reale in Italia, seguito da un incontro con Duilio Giammaria, direttore di Rai Documentari che al Mia Doc illustrerà per la prima volta agli ospiti italiani e stranieri presenti della sua direzione nel supporto e nello sviluppo di produzioni originali Rai e di coproduzioni internazionali. Tra i protagonisti che parteciperanno dal vivo agli incontri del Mia Doc, il regista Giorgio Verdelli racconterà la sua esperienza per il doc su Paolo Conte che sta per essere distribuito anche all’estero e Juan Martin Guevara che illustrerà il progetto internazionale MIO FRATELLO IL CHE.

La selezione ufficiale del Doc pitching forum prevede quest’anno 19 progetti. Tra i titoli di quest’anno rientrano HOMO CYBORG – IL FUTURO DEL GENERE UMANO, della talentuosa regista Adele Tulli, figlia di Serena Dandini; BARCA NOSTRA – THE BOAT BEYOND THE SEA di Luca Lucchesi, prodotto da Road Movies, la società di proprietà del regista tedesco Wim Wenders.
Il MIA nasce dalla consolidata joint venture e dall’impegno congiunto tra Anica e Apa, con il sostegno del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione Internazionale, con l’Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’Internazionalizzazione delle imprese italiane e il ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, che accompagnano la manifestazione sin dal primo anno. Tra i partner di quest’anno anche il Programma Europa Creativa – Media, il ministero dello Sviluppo economico e la Regione Lazio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»