A Palermo una strada intitolata al giornale ‘L’Ora’

La cerimonia si è svolta in occasione del decennale della scomparsa di Vittorio Nisticò, storico direttore della testata, con l'apposizione di una targa commemorativa che ricorda i tre cronisti de 'L'Ora' uccisi dalla mafia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – A Palermo una strada intitolata al quotidiano ‘L’Ora’. Via ‘Giornale L’Ora’ si trova in centro città, proprio dove il quotidiano ebbe la propria redazione per decenni. La cerimonia si è svolta in occasione del decennale della scomparsa di Vittorio Nisticò, storico direttore della testata, con l’apposizione di una targa commemorativa che ricorda i tre cronisti de ‘L’Ora’ uccisi dalla mafia: Mauro De Mauro, Cosimo Cristina e Giovanni Spampinato, e l’attentato mafioso che nel 1958 colpì la tipografia.

Alla cerimonia erano presenti, fra gli altri, la vedova di Nisticò e Marcello Sorgi, presidente del Comitato ex giornalisti de L’Ora. Per il sindaco, Leoluca Orlando, “oggi la città esprime gratitudine e fa memoria per un giornale che per oltre novanta anni ha accompagnato la vita di Palermo. Un giornale espressione di impegno di privati come i Di Rudinì, i Florio e i Pecoraino – ancora Orlando – e di grandi giornalisti in tempi difficili sino agli ultimi anni del secolo scorso. Oggi la città esprime gratitudine e fa memoria di giornalisti coraggiosi e liberi uccisi dalla mafia in anni terribili nei quali la mafia aveva il volto dello Stato e governava Palermo. Questa intitolazione e la commossa partecipazione di tanti – conclude Orlando – è l’ennesima conferma del cambiamento culturale di una città dove la mafia, pur presente e pericolosa, è sempre più isolata dalla coscienza civile dalla azione amministrativa e dall’impegno delle forze dell’ordine e della magistratura”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»