Gualtieri: “Manovra da 30 miliardi. Non ci saranno tagli a scuola, sanità e università”

Roberto Gualtieri, ministro dell'Economia e Finanze, lo dice a Mezz'ora in più su RaiTre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Una manovra da 30 miliardi? “Sì, è una cifra ben definita“, infatti “se si sommano i 23 miliardi” di aumenti Iva da disinnescare e “delle politiche che vogliamo mettere in campo, si arriva a una cifra” su questi livelli. Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia e Finanze, lo dice a Mezz’ora in più su RaiTre.

Nei prossimi mesi svolgeremo uno studio approfondito per individuare margini ulteriori di riduzione della spesa pubblica, ma non ci saranno tagli a scuola, sanità, università. Non ce lo possiamo permettere perché sarebbe controproducente”, promette il ministro dell’Economia e Finanze, che aggiunge: “Abbiamo previsto anche l’azzeramento delle rette per i redditi piu’ poveri e costruzione di nuovi asilo nido“, per le famiglie.

“Ridurre la tassazione sul lavoro e’ il primo passo”. Occorre “avviare un intervento sul cuneo ma anche lavorare a una piu’ ambiziosa rimodulazione del sistema fiscale che deve essere progressivo. Noi non siamo a favore della flat tax“, ma vogliamo “ridurre le tasse ai redditi piu’ bassi e  ai ceti medi”, aggiunge il ministro dell’Economia: “L’obiettivo di ridurre le tasse sul lavoro e sull’impresa e’ un impegno di questo governo”.

IMPEGNO GRADUALE AL SUPERAMENTO DEL SUPERTICKET

“Il governo si da’ un orizzonte triennale, non si fanno manovre spot singole. La rotta è chiara e c’è un impegno graduale al superamento del superticket”, dice il ministro dell’Economia.

QUOTA 100 MISURA CHE VA AD ESAURIMENTO, NON LA ABOLIREMO

Il reddito di cittadinanza e quota 100 restano: “Non è  serie cambiare la situazione continuamente. Quota 100 e’ una misura che va a esaurimento e non la aboliremo”, rassicura Gualtieri.

NON FAREMO MANOVRA RESTRITTIVA MA PICCOLA ESPANSIONE

“Non faremo una manovra restrittiva, nonostante la richiesta originaria dell’Europa di una riduzione del debito dello 0,6%, faremo invece una piccola espansione necessaria a conciliare uno stimolo alla crescita e il controllo del debito”. Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia e Finanze, lo dice a Mezz’ora in più su RaiTre.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»