“Il principe cerca moglie”, in cantiere il sequel

Il film sarà diretto da Jonathan Levine. Nel cast probabilmente anche Eddy Murphy
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sarà l’effetto nostalgia o la mancanza di ispirazione capace di generare per prodotti originali, ciò che è certo è che negli ultimi anni remake e sequel stanno inondando la cinematografia americana. E mentre sta per uscire “Blade Runner 2049”, secondo capitolo della capolavoro degli anni ’80  firmato Ridley Scott, arrivano indiscrezioni riguardo il sequel di un altro film che sta per compiere trent’anni.

Leggi anche Aspettando il sequel, il 29 settembre su Italia 1 “Blade Runner” di Ridley Scott

Parliamo della commedia “Il principe cerca moglie”, con protagonista l’esilarante Eddy Murphy.  A dirigere il sequel del film dovrebbe essere Jonathan Levine, mentre Kenya Barris lavorerà sulla sceneggiatura. Levine è conosciuto per i suoi lavori in “50 e 50”, “Warm Bodies” e il recente “Fottute!”. Barris, invece, è il creatore della serie tv “Black-ish” e ideatore di altre serie tra cui “America’s Next Top Model” e “The Game”.

Alla vigilia del trentesimo anniversario della pellicola, che sarà nel 2018, non si sa molto di più. Nessun indizio sulla trama o sul cast. Incerta pure la presenza di Eddie Murphy nel film, che si vocifera sperò sarà presente per un cameo.

In “Coming to America”, questo il titolo originale della pellicola del 1988, Murphy veste i panni di un ricco principe africano, che, in fuga da un matrimonio reale organizzato dai genitori, si reca in viaggio a New York sotto mentite spoglie, in cerca di una donna che lo ami per ciò che è e non per il suo status sociale. Il film termina con un  happy ending lascia spazio all’immaginazione sulla sua seconda parte che, probabilmente, avrà come protagonista il figlio del personaggio interpretato da Eddy Murphy.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»