FOTO | Zaki in Consiglio comunale e in biblioteca, l’idea di Minerbio

Il Comune di Minerbio, nel bolognese, vuole tenere viva l'attenzione sul caso dello studente dell'Alma mater arrestato in Egitto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Dopo le biblioteche di Bologna e la platea del cinema in piazza Maggiore, il volto di Patrick Zaki (disegnato da Gianluca Costantini) ora compare anche in un’aula istituzionale: quella del Consiglio comunale di Minerbio, sempre in provincia di Bologna. L’amministrazione ha infatti deciso di collocare una sagoma dello studente dell’Alma Mater, detenuto in Egitto da mesi, sia nella Sala consiliare che in biblioteca.

LEGGI ANCHE: Bologna issa sulla Garisenda il grido di libertà per Patrick Zaki

“In questi mesi abbiamo imparato a conoscere la storia di Patrick Zaki, uno studente dell’Università di Bologna illegittimamente imprigionato in Egitto a cui è stato addirittura negato di conoscere le ragioni per cui la libertà gli è stata negata”, scrive il Comune guidato dalla sindaca Roberta Bonori su Facebook. “Questa amministrazione non vuole che si spengano le luci sulla sua storia e ha deciso che il suo volto ci accompagnerà nella città: siederà insieme a noi in Consiglio– continua il post- e negli spazi studio della biblioteca Prometeo, insieme ai nostri ragazzi”.

 

Il volto di Zaki “sarà lampadina accesa che ci ricorderà che combattere per la sua libertà vuol dire difendere anche la nostra, perchè esprimere le proprie idee e vivere in libertà possa diventare un diritto di tutti”, aggiunge l’amministrazione di Minerbio. “La richiesta di libertà per Patrick coinvolge sempre di più i comuni della Città metropolitana”, commenta il sindaco di Bologna, Virginio Merola.

LEGGI ANCHE: FOTO | Maxi poster in piazza Maggiore a Bologna: “Libertà per Zaki”

“I Consigli comunali di Pianoro, Valsamoggia e Castel Maggiore, oltre a quello di Bologna- ricorda Merola- hanno deciso di assegnare la cittadinanza onoraria allo studente egiziano iscritto a un master della nostra Università e detenuto ingiustamente in patria. E a Minerbio la sagoma di Patrick, realizzata da Gianluca Costantini, siederà in Consiglio comunale e in biblioteca”.

LEGGI ANCHE: Zaki cittadino onorario Bologna, sì del Consiglio comunale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»