Scuola, al via ‘chiamata veloce’ docenti: c’è tempo fino al 2 settembre

Al via la la nuova procedura prevista dal decreto sulla scuola approvato a dicembre che prevede la possibilità per gli insegnanti di fare domanda in un'altra regione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Prende il via la “chiamata veloce” dei docenti, la nuova procedura prevista dal decreto sulla scuola approvato a dicembre in Parlamento che consente a chi è in graduatoria, ma non ha ottenuto il ruolo con la normale tornata di assunzioni, di poter presentare domanda in un’altra Regione dove ci sono posti disponibili per ottenere prima la cattedra a tempo indeterminato.

LEGGI ANCHE: Scuola, ministero: “Corsi di recupero al via l’1settembre, nessun allarme”

C’È TEMPO FINO ALLE 23.59 DEL 2 SETTEMBRE 

Le domande potranno essere effettuate fino alle ore 23.59 del 2 settembre. L’apertura della procedura è slittata di alcune ore per consentire al Ministero di poter scaricare tutti i dati dei posti rimasti disponibili dai singoli Uffici Scolastici Regionali in modo corretto e metterli così a disposizione dei docenti che aspirano al ruolo. Da stamattina è possibile presentare l’istanza e già si registra l’afflusso di utenti sul sistema.

POI PARTIRÀ L’ASSEGNAZIONE DELLE SUPPLENZE

Subito dopo l’assegnazione dei posti con la chiamata veloce si procederà con le supplenze. Il Ministero ha infatti messo a punto un fitto cronoprogramma, scadenza dopo scadenza, per consentire un avvio ordinato del nuovo anno che sta consentendo di chiudere le singole operazioni nei tempi previsti per la prima volta dopo molti anni.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, ecco le linee guida dell’Iss per la riapertura delle scuole

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»