Roma, Valeriani: “Nessuno sgombero imminente, fiducia nel nuovo governo”

Complice anche il nuovo Governo che sta nascendo: "Si respira un buon clima, nuovo e di grande fiducia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non c’è uno sgombero imminente domani mattina, su niente”. L’assessore alle Politiche abitative della Regione Lazio, Massimiliano Valeriani, parlando al termine del tavolo in Prefettura con Comune di Roma (presenti il sindaco Virginia Raggi, gli assessori Rosalba Castiglione e Laura Baldassarre e il delegato alla Sicurezza Marco Cardilli) e forze dell’ordine ha di fatto annunciato che lo sgombero (previsto entro metà settembre) dell’occupazione dello stabile di via del Caravaggio, dove vivono 126 nuclei familiari, è stato quanto meno differito.

LEGGI ANCHE: Roma, gli occupanti di viale Caravaggio: “Resisteremo con ogni mezzo”

Complice anche il nuovo Governo che sta nascendo: “Si respira un buon clima, nuovo e di grande fiducia per il lavoro che dovremmo fare- ha proseguito- L’interlocuzione con il prossimo Governo sarà molto importante per costruire le condizioni necessarie a gestire il problema dell’emergenza abitativa a Roma e di intesa con il Comune di Roma vorremmo procedere in questo modo. Quindi, non c’è più all’ordine del giorno questa frenesia di procedere. Per domani mattina non c’è alcun tipo di intervento. Siamo confidenti che il nuovo scenario produrrà anche un cambio di sensibilità e di approccio su questo tema, che a Roma ha dimensioni non paragonabili a nessun’altra città”.

Valeriani ha sottolineato che sul fronte dell’emergenza abitativa “la Regione Lazio ha messo un milione di euro nel patto per la sicurezza. Siamo l’unica Regione che ha messo risorse”.

Al nuovo Governo, Comune di Roma e Regione Lazio chiederanno risorse straordinarie per affrontare il tema dell’emergenza abitativa a Roma: “Senza risorse non c’è nessuna soluzione credibile. Il ripristino della legalità non va mai scisso dal tema dell’umanità e della fragilità delle persone. Non c’è un intervento di ripristino della legalità se non si danno alternative alle persone che stanno in quella condizione. Di intesa con il Comune e gli altri e ti produrremo un programma nei prossimi giorni”, ha concluso Valeriani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»