Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Genova, sui social spunta un altro progetto per il ponte

Da ingegnere di Lecco un rendering con elementi comuni a quello di Renzo Piano (presentato prima)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Una delle immagini del progetto di Giorgio De Cani

GENOVA – Niente stralli, solo tanti piloni, campate più brevi e 43 lampioni a illuminare il nuovo viadotto e tenere viva la memoria di ogni vittima del crollo del Ponte Morandi. L’idea del nuovo ponte-monumento lanciata ieri con grande clamore mediatico dall’archistar e senatore a vita genovese Renzo Piano, che ha presentato già alcune bozze e alcuni plastici al governatore ligure, Giovanni Toti, e al sindaco di Genova, Marco Bucci, non sembra essere però così originale. Almeno a leggere quanto circola già da giorni sui più popolari social network, dove sono stati pubblicati alcuni rendering del progetto che l’ingegnere lecchese Giorgio De Cani, designer specializzato in finestre ed esterni, e l’architetto Angelo Terenzio Valentino stanno mettendo a punto per restituire a Genova e alla Valpolcevera un viadotto autostradale.

Risalgono a cinque giorni fa le prime immagini pubblicate su LinkedIn, con una semplice descrizione: “Il ponte nuovo di Genova. Le 43 colonne alla memoria delle vittime. Le pale eoliche verticali”. E lo stesso ingegnere, questa volta su Facebook, getta il guanto della sfida a Piano: “La gara tra me e Renzo Piano è partita– avverte- saremo in Regione Liguria presto a presentare il ponte e la proposta sarà di un pool di professionisti lecchesi con tecnologie locali”. E in un post successivo si lascia già andare a una critica al suo ipotetico avversario e alle prime immagini circolate delle idee dell’archistar: “Vorrei più poesia in un ponte, più bellezza, più verde, più anima, ora che la mia anima ha fretta”.

Qualche perplessità, comunque, il progetto di De Cani la desta, come non mancano di sottolineare alcuni commenti proprio sul più popolare social network: “Gente che passeggia su un viadotto autostradale in una valle votata all’industria?”. Regione e Comune, comunque, sembrano aver già chiaramente fatto la propria scelta investendo di fatto Renzo Piano del ruolo di consulente delle amministrazioni locali per la realizzazione del nuovo ponte, come confermato ieri sera in conferenza stampa.

Il rendering dell’ingegnere Giorgio De Cani:


Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»