Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ue, Oettinger: “Italia rischia penalità con no al bilancio”. Di Maio: “Ipocrita”

Da Bruxelles arriva l'altolà del commissario Ue al Bilancio, Guenther Oettinger
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BRUXELLES – “L’Italia ha conquistato il nostro appoggio nell’affrontare la crisi migratoria e le sue conseguenze, posso solo mettere in guardia Roma dal mischiare la questione migratoria con il bilancio Ue”. Lo ha detto il commissario Ue al Bilancio, Guenther Oettinger in risposta all’eventuale veto del governo italiano al bilancio comunitario.

“Tutti gli Stati dell’Ue – ha proseguito Oettinger – si sono assunti l’obbligo di pagare i contributi nei tempi stabiliti. Tutto il resto sarebbe una violazione dei trattati che comporterebbe penalità”. Il commissario è tornato poi a ribadire che l’Unione Europea non è responsabile della tragedia di Genova, dicendosi pronto a dimostrare quanti miliardi sono stati versati per le infrastrutture italiane.

Di Maio: “Parole ipocrite”

Dall’Unione europea arrivano “dichiarazioni in questi giorni ancora più ipocrite, non le abbiamo sentite durante i giorni della Diciotti, le sentiamo adesso che minacciamo di non dargli soldi“. Risponde così Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, parlando in diretta Facebook dal Cairo, in Egitto.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»