A Ischia 1800 richieste per controllare gli edifici, dieci scuole sono inagibili

Sono circa 1.500 le persone assistite dal servizio nazionale della Protezione Civile a seguito della scossa di terremoto dello scorso 21 agosto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Sono circa 1.500 le persone assistite dal servizio nazionale della Protezione Civile a seguito della scossa di terremoto dello scorso 21 agosto. In particolare, secondo i dati forniti dai comuni, sono poco meno di 1.200 i cittadini di Casamicciola che la scorsa notte hanno trovato ospitalità prevalentemente in strutture alberghiere mentre, per il comune di Lacco Ameno, gli assistiti negli alberghi sono 297.

Ventuno, invece, le persone assistite dal comune di Forio, in parte in alberghi e in parte in una struttura sanitaria di lunga degenza.

A questi si devono aggiungere tutti i cittadini che, non potendo rimanere nelle proprie case perché inagibili o in attesa delle verifiche, hanno trovato autonomamente una sistemazione.

Proseguono intanto, le verifiche di agibilità sulle abitazioni private per le quali i cittadini dei comuni di Casamicciola, Lacco Ameno e Forio d’Ischia hanno presentato, complessivamente, 1.793 domande di sopralluogo presso i centri di coordinamento comunali.

A ieri sono stati effettuati complessivamente 433 sopralluoghi di cui 349 su edifici privati. Gli esiti delle verifiche su questi ultimi hanno restituito: 121 edifici agibili, 10 agibili come struttura ma inagibili per rischio esterno, 64 temporaneamente o parzialmente inagibili, 149 inagibili. Sono inoltre 5 le schede alle quali, al momento, non è stato possibile attribuire esito.

Concluse, al momento, le verifiche sulle strutture scolastiche, edifici pubblici e alberghi che hanno restituito i seguenti esiti: su 27 scuole 10 risultano agibili, 7 parzialmente o temporaneamente inagibili e 10 inagibili.

Sono invece 6 gli edifici pubblici agibili, 4 temporaneamente inagibili e 2 inagibili. I 2 istituti di cura risultano 1 agibile e 1 temporaneamente inagibile mentre, su 43 alberghi verificati 32 sono gli agibili, di cui 1 agibile come struttura ma non utilizzabile per rischio esterno, 2 temporaneamente inagibili anche per rischio esterno, 1 da rivedere, 7 inagibili e per uno al momento non è stato possibile attribuire un esito.

Nella giornata di oggi sono 23 le squadre di tecnici abilitati Aedes (Agibilità e danno nell’emergenza sismica) impegnati tra Casamicciola, Lacco Ameno e Forio d’Ischia.

Secondo i dati comunicati dai tre comuni, al momento, al centro operativo comunale di Casamicciola sono pervenute da parte dei cittadini 1.226 richieste di sopralluogo agli edifici privati, 32 quelle presentate a Forio d’Ischia mentre il comune di Lacco Ameno, a parziale rettifica dei dati forniti nei giorni scorsi, ha ricevuto 535 richieste di sopralluogo.

Infine, nella giornata di oggi sono oltre 550 le forze in campo tra Vigili del Fuoco, Forze di polizia e armate, volontari di Protezione Civile della Regione Campania, tecnici e funzionari del dipartimento nazionale della Protezione civile oltre al personale della Regione, della Prefettura e a esperti per la salvaguardia dei Beni Culturali.

LEGGI ANCHE Terremoto, a Ischia il suolo si è abbassato di quattro centimetri

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»