Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Colombia, il cessate il fuoco del comandante delle Farc

Questo gesto decreta la fine dell'attività offensiva militare delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia e la volontà di una riconciliazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOGOTA’ – Il leader delle Farc, Rodrigo Londono alias ‘Timochenko’, ha dichiarato il “cessate il fuoco” a partire dalla mezzanotte del 28 agosto.

Questo gesto decreta, dopo la firma degli accordi pace, la fine dell’attività offensiva militare delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia e la volontà di una riconciliazione.

“In qualità di Comandante dello Stato Maggiore centrale delle Farc-Ep- ha scandito Londono davanti alle tv- ordino a tutti i nostri controlli, a tutte le nostre unità, a ognuno dei nostri e delle nostre combattenti il cessare il fuoco e le ostilità definitive contro lo Stato colombiano”. La speranza, ha sottolineato il leader delle Farc, “è che le rivalità e i rancori rimangano nel passato. Oggi, più che mai, ci dispiace per la morte e il dolore causato dalla guerra. Oggi, più che mai, vogliamo abbracciare gli uomini delle Forze armate e della polizia come compatrioti e iniziare a lavorare insieme per la nuova Colombia”.

eln colombiaL’altro gruppo guerrigliero del paese, l’Eln, in una lettera aperta alle Farc, firmata dal leader superiore, Nicolas Rodriguez Bautista alias ‘Gabino’,si è complimentata per l’accordo siglato con il governo colombiano “a tutti voi giunga il nostro abbraccio fraterno e l’augurio di un successo sul cammino intrapreso per diventare una organizzazione politica o movimento legale, come recita il passaggio del recente accordo tra l’utente e il governo nazionale. Rispettiamo- sottolinea il leader dell’Eln- ma non condividiamo l’essenza di tali accordi. Per venti anni abbiamo cercato un dialogo con il governo colombiano e una soluzione politica del conflitto- ha concluso Bautista- perché siamo profondamente convinti che il futuro e il destino della Colombia non può essere la guerra”. L’Eln infatti ha ricordato che dallo scorso 30 marzo a Caracas ha iniziato con il governo colombiano una fase pubblica di colloqui che fino ad ora non è giunta a nessun accordo a causa del rifiuto della guerriglia di liberare alcuni ostaggi. Ora il passo successivo, l’ultima parola, spetta ai colombiani tramite un referendum che si svolgerà il 2 ottobre.

LEGGI ANCHE

Colombia, accordo definitivo di pace tra Governo e Farc

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»