hamburger menu

VIDEO | A Bologna svolta contro i graffiti: “Puliamo anche quelli dei privati”

Il piano del Comune (che stanzia 1,9 milioni di euro) contro scritte e tag

29-07-2022 23:48
Scritte e tag sui muri di Bologna
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA – Svolta del Comune di Bologna sulla lotta a scritte e tag sui muri. Da questo momento infatti si farà carico di pulire anche i muri dei privati, sfruttando il meccanismo del silenzio-assenso con i proprietari e gli amministratori di condominio. Una novità varata dalla giunta lo scorso 26 luglio, che fa parte di un pacchetto di misure annunciate già ad aprile, e illustrata questa mattina in conferenza a Palazzo d’Accursio dall’assessore alla Pulizia della città Simone Borsari e dal capo di gabinetto Matilde Madrid. Si tratta di “un’innovazione amministrativa- spiega Borsari- si manda una comunicazione alle proprietà private e agli amministratori, e decorsi 30 giorni dal ricevimento di questa comunicazione, laddove non dovesse esserci risposta, l’autorizzazione si intende rilasciata”. In questo modo, dal punto di vista giuridico, “l’amministrazione è legittimata ad intervenire anche sui muri di proprietà privata”.


VIA ALLE PRIME LETTERE A PROPRIETARI E AMMINISTRATORI

Le prime lettere, annuncia ancora Borsari, saranno mandate in questi giorni, per poi effettuare i primi interventi a settembre. La misura, che durerà qualche mese, fa parte di un’integrazione del Piano sperimentale integrato di contrasto al vandalismo grafico, di durata biennale, e sarà finanziato nell’ambito dell’accordo quadro, già in atto, per un importo complessivo di 1,9 milioni di euro. “Se il privato ci comunica la volontà di intervenire, allora noi aspettiamo tre mesi- prosegue ancora Borsari- se l’intervento non dovesse essere stato effettuato, allora la proprietà sarebbe passibile di sanzione ai sensi del regolamento di polizia urbana”, con una multa che va “dai 100 ai 500 euro”, a causa di una norma del regolamento comunale che prevede già adesso l’obbligo per i proprietari e i possessori degli immobili di assicurare il decoro delle facciate.

Bologna, l’assessore comunale alla Pulizia della città Simone Borsari e il capo di gabinetto Matilde Madrid

SI INTERVIENE ANCHE PER LE SCRITTE NON INGIURIOSE: “CANCELLIAMO TUTTO”

Ma c’è di più. Cambiano anche i criteri per procedere alla cancellazione delle scritte. Se prima con i privati si poteva procedere senza l’autorizzazione del proprietario “soltanto con scritte ingiuriose o che contenevano minacce”, adesso appunto “cancelliamo tutto, non soltanto la scritta ingiuriosa”, con eccezioni solo davanti a disegni di street art particolarmente meritevoli.
Non sono ancora stabiliti i luoghi da cui partire. “Sono in via di definizione- assicura Borsari- ma saranno comunque luoghi soprattutto del centro storico, particolarmente aggrediti dal fenomeno del vandalismo grafico e particolarmente frequentati”.
Con questo piano l’idea del Comune di Bologna è di fornire un “impulso iniziale” per una pulizia complessiva, e poi “faremo a chi si stanca prima”, afferma Matilde Madrid, riferendosi al cronico ritorno delle scritte subito dopo le operazioni di pulizia, che comunque d’ora in poi saranno fatte con prodotti idonei per proteggere da imbrattamenti successivi. In campo c’è “la tenacia di molti di fronte a vandalismo di pochi: c’è la forza e la tenacia dell’amministrazione e anche della maggioranza dei cittadini che vogliono la città pulita. C’è una minoranza di persone che invece la città la sporca. Noi andremo avanti con la tenacia e con la forza”.

LEGGI ANCHE: Graffiti e tag, a Bologna il writer ironizza:” Non pulirete mai nulla”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-29T23:48:57+02:00