hamburger menu

Donna uccisa a Catania, convalidato il fermo per il figlio 14enne

Indagato per l'omicidio della madre 32enne Valentina Laura Giunta, per lui è stata applicata la misura cautelare della custodia in istituto penitenziario minorile

29-07-2022 13:29
omicidio catania-min
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

PALERMO – Il Gip del Tribunale per i Minorenni di Catania ha emesso il provvedimento di convalida del fermo del minorenne, figlio della vittima, indagato per l’omicidio della madre 32enne Valentina Laura Giunta. Applicata contestualmente la misura cautelare della custodia in istituto penitenziario minorile, accogliendo la richiesta della Procura per i Minorenni.

Il provvedimento è stato emesso a seguito dell’udienza di convalida durante la quale il minore, poco più che quattordicenne, ha confermato le dichiarazioni confessorie già rilasciate al pm. Gravissimi erano già emersi, infatti, gli elementi indiziari a suo carico acquisiti dalla squadra mobile di Catania nel corso delle indagini avviate immediatamente dopo la segnalazione di “una persona gravemente ferita nel quartiere popolare San Cristoforo, giunta intorno alle 23 del 25 luglio alla sala operativa della Questura”. La donna è stata trovata all’interno del proprio appartamento riversa per terra. La prima ispezione cadaverica ha accertato “la condotta era stata posta in essere con un’arma da punta e taglio al collo, al fianco e alla spalla sinistra che le cagionava la lesione di grossi vasi sanguigni con shock emorragico, che ne determinava la morte”.

L’ordinanza del Gip – spiega una nota – cristallizza la ricostruzione della condotta materiale del giovane che negli ultimi mesi viveva con la nonna paterna essendosi determinato a lasciare la casa della madre nonostante la stessa avesse mantenuto un atteggiamento protettivo verso il figlio, a fronte delle ostilità alimentate dalla famiglia del padre, detenuto da tempo per gravi reati, anche contro la persona”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-29T13:29:26+02:00