Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tokyo 2020, i risultati del 29 luglio: primo oro femminile nel canottaggio e miracolo Paltrinieri

olimpiadi tokyo
Delusione per Jessica Rossi: la portabandiera dell'Italia non centra la finale del tiro a volo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Italia che finalmente si sblocca e conta un altro oro. Nella sesta giornata di gare ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 finisce il ‘digiuno’ di medaglie del metallo più prezioso grazie alle ragazze del doppio pesi leggeri, Valentina Rodini e Federica Cesarini, la prima storica medaglia del canottaggio femminile. Un doppio contributo quello delle barche azzurre, se aggiungiamo il bronzo conquistato pochi minuti prima dal doppio pl di Pietro Willy Ruta e Stefano Oppo.

La mattinata di Tokyo prosegue con l’argento miracolo di Gregorio Paltrinieri negli 800, più forte della mononucleosi che lo ha colpito a poco meno di un mese dalle Olimpiadi. Chiusura di bronzo dolceamara con la squadra femminile del fioretto formata da Alice Volpi, Arianna Errigo, Martina Batini ed Erica Cipressa.

Per il resto, luci e ombre. Delusione per il mancato ingresso in finale della fossa olimpica della portabandiera dell’Italia e stella del tiro a volo, Jessica Rossi, mentre la compagna Silvana Stanco chiude con il quinto posto generale. Manca anche la finale al maschile, che non vede qualificato Mauro De Filippis.

Nel canottaggio Giovanni Abagnale e Vincenzo Abbagnale portano il due senza azzurro al quinto posto nella Finale B, 11esimo complessivo. Al femminile, sempre in Finale B, sesta posizione, 12esima complessiva, per Kiri Tontodonati e Aisha Rocek. Manca la Finale A Gennaro di Mauro, quarto nella semifinale del singolo. All’Aquatics Centre il nuoto azzurro registra il sesto posto in finale dei 100 stile di Alessandro Miressi. Nei 200 rana Francesca Fangio chiude la semifinale al 15esimo posto e manca la finale anche Alberto Razzetti, nono nei 200 misti. Sorride invece Simona Quadarella, che nelle batterie degli 800 ottiene l’accesso alla finale con il terzo tempo, mentre l’altra azzurra Martina Caramignoli ha concluso la gara con il 20esimo posto. Nei 100 farfalla Federico Burdisso è 17esimo, mentre Santo Condorelli 31esimo. Brivido per Margherita Panziera, una delle favorite nei 200 dorso, che conquista l’ingresso alle semifinali con il 12esimo tempo (2’10″26″). Bene invece la staffetta della 4×100 mista mista, entrata in finale con il quinto tempo.

Nel ciclismo Giacomo Fantoni è stato eliminato nella gara del BMX racing, chiudendo le tre run al quinto posto. In attesa di Irma Testa, nel pugilato si interrompe il percorso olimpico di Giordana Sorrentino, sconfitta 5-0 dalla cinese Taipei Hw Huang, nel tabellone dei 16 della categoria -51 kg. Nel tiro con l’arco Lucilla Boari supera Chiara Rebagliati nel derby azzurro e accede agli ottavi dove affronterà la bielorussa Hanna Marusava.

Debutto ai Giochi per il golf, dove al termine del primo giro Renato Paratore e Guido Migliozzi sono entrambi al 41esimo posto. Occasione persa nella canoa slalom per Marta Bertoncelli, che non riesce a qualificarsi per la finale del C1 e chiude al 15esimo posto.

Entra sempre più nel vivo la vela: si sono concluse le prove di flotta per la classe RS:X che con la medal race di sabato assegnerà le prime medaglie. Terzo posto provvisorio per Mattia Camboni (8-3-9), staccato di soli due punti dal francese Guyard e tallonato dal polacco Myszka. In finale per la medaglia anche Marta Maggetti (5-6-8), con obiettivo di conservare l’attuale quarto posto generale essendo il podio matematicamente non raggiungibile.

Con metà delle prove in programma disputate, resta saldamente al primo posto l’equipaggio del Nacra 17 composto da Ruggero Tita e Caterina Banti (2-5-1) mentre a due prove dal termine Silvia Zennaro (3-10) è sesta nei Laser Radial. Due le prove disputate anche dalle flotte del 470 femminile e maschile: Elena Berta e Bianca Caruso (9-12) occupano il 9° posto parziale, i giovani Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (12-9) dopo quattro prove totali sono al 12esimo posto.

Capitolo sport di squadra. Continua il cammino dell’Italvolley femminile, che all’Ariake Arena batte 3-0 l’Argentina e conquista il passaggio ai quarti con due turni di anticipo. Il Settebello di Campagna, invece, compie un’altra rimonta dopo essersi complicato la vita e batte gli Stati Uniti 12-11. Tra le ultime gare della sera in Giappone, la ginnastica artistica: Martina Maggio e Alice D’Amato hanno chiuso rispettivamente la gara di All Around al 19esimo (52.565) e 20esimo posto (51.899).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»