Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

De Luca attacca ancora Figliuolo: “Ha avallato il mercato nero dei vaccini”

de luca_figliuolo
Il governatore della Campania critica la strategia della campagna vaccinale del commissario all'emergenza Covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Rispetto alla distribuzione dei vaccini la Campania dovrebbe essere la regione più attenzionata per la densità abitativa più alta d’Italia, invece è quella che meno vaccini di tutte le Regioni. Abbiamo dovuto fare la guerra contro il mercato nero dei vaccini, avallato dal commissario dei vaccini, quello che va girando per l’Italia e non si sa perché“. Questo l’attacco di Vincenzo De Luca al commissario all’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo. Il presidente della Regione Campania, durante un’iniziativa pubblica a Cetara (Salerno), ha sottolineato che “siamo ancora la regione con meno morti di Covid in Italia ma dobbiamo superare questi mesi se vogliamo tornare a vivere e dobbiamo essere responsabili: vaccinarsi tutti, questo è l’obiettivo, senza tanti fronzoli. E bisogna mettersi la mascherina sempre, anche quando si è vaccinati“, ha ricordato De Luca.

“I NO GREEN PASS SONO PARTICOLARMENTE STUPIDI”

Ma il presidente della Regione ne ha anche per il movimento dei no green pass, che in questi giorni ha promosso manifestazioni in tutta Italia per protestare contro le nuove norme decise dal governo Draghi. “Ancora ieri c’è stata qualche manifestazione di qualche squinternato – ha attaccato De Luca – Dicono: ‘Noi vogliamo la libertà’. Che bello. Quando decidiamo che per iscrivere all’asilo o alle elementari un bambino devi avere il certificato di vaccinazione, quella non è una limitazione di libertà, ma è una misura che serve a proteggere i bambini dell’asilo. Che c’entra la libertà con la salute pubblica e i doveri che abbiamo di essere persone civili? Sono particolarmente stupidi, anche se per la verità ieri non c’era nessuno, anche a Salerno c’erano solo tre squinternati“.

LEGGI ANCHE: Bagarre alla Camera durante la discussione sul green pass: seduta sospesa

“TERRORE PER CIÒ CHE PUÒ SUCCEDERE DOPO AGOSTO”

“Il mio terrore è quello che succede dopo agosto. Dobbiamo evitare di dover chiudere di nuovo l’Italia per il livello di contagio. Vaccinarci significa avere la possibilità di non chiudere l’economia, gli alberghi, il commercio”, ha proseguito De Luca, che poi si è soffermato sulla situazione in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico. “La Campania è la prima regione d’Italia per la vaccinazione di personale scolastico docente e non docente, si sono vaccinati tutti. Adesso dobbiamo vaccinare la popolazione studentesca, recuperando gli elementi di confusione arrivati da Roma sui vaccini che ci hanno fatto perdere due mesi di tempo. Se vogliamo tornare a scuola tutti quanti – precisa il governatore – dobbiamo vaccinarci anche sotto i 18 anni. Dobbiamo mandare a scuola i bambini, non possiamo tenerli due anni fuori degli istituti. Altrimenti, paghiamo un prezzo umano, sociale, formativo e insostenibile. Bisogna vaccinarsi tutti in maniera responsabile”, ha concluso De Luca.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»