Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La lettera di Zaki dal carcere: “La mia situazione sta peggiorando, non sono ottimista”

Lo studente egiziano dell'Università di Bologna scrive alla fidanzata dalla prigione di Tora, al Cairo, dove è in detenzione preventiva da febbraio 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Combattero’ finché non tornerò a studiare a Bologna”. Così ha scritto in italiano Patrick Zaki a conclusione della lettera in arabo indirizzata alla sua ragazza dal carcere di Tora, al Cairo. A rilanciare la notizia è il gruppo di attivisti ‘Patrick Libero’, che su Facebook si batte per la liberazione dello studente egiziano dell’Università Alma mater studiorum, in detenzione preventiva dal febbraio del 2020.

LEGGI ANCHE: Il nodo della cittadinanza a Zaki, Parlamento in pressing sul Governo

A ricevere la missiva è stata la sua famiglia, che ieri ha potuto fargli visita in carcere. Rivolgendosi alla fidanzata, il ricercatore in diritti di genere ha scritto: “Spero che tu sia in buona salute e in pace. È passato molto tempo dall’ultima volta che ci siamo incontrati, è stato solo per pochi minuti, ma mi ha lasciato una grande sensazione positiva e mi dà ancora la forza di andare avanti con maggiore determinazione”.

LEGGI ANCHE: L’alto funzionario dell’Onu: “Zaki rischia il carcere fino al 2022 e oltre”

Zaki scrive ancora: “So che neanche nelle nostre fantasticherie più sfrenate avremmo mai potuto immaginare questo scenario. Quando partii per Bologna facemmo così tanti progetti, il primo era che tu venissi a trovarmi per visitare l’Italia insieme. Mi rende estremamente triste il fatto che questo non accadrà presto, dato che la mia situazione sta peggiorando di giorno in giorno. L’inchiesta su di me è ripresa, il che potrebbe significare che un giorno dovrò andare in tribunale per affrontare un processo e questo è molto peggio di quanto mi aspettassi. Dopo un anno e mezzo di carcere ormai non potevo fare a meno di pensare che avrei riottenuto presto la libertà, ma ora mi è chiaro che non sarà così – riflette ancora lo studente – So che siete stati pazienti e avete sopportato l’insopportabile, mi scuso sinceramente per questo”. Patrick Zaki ha concluso la lettera esprimendo “felicitazioni per tutti coloro che sono stati scarcerati di recente. Io però non sono affatto ottimista sulla mia situazione. Con tanto amore, Patrick”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»