Furia Meloni: “Rincorrevate le persone in spiaggia e lasciate gli immigrati violare la quarantena. Pazzi irresponsabili”

Invettiva di Giorgia Meloni dopo l'informativa del premier Conte sulla proroga dello stato di emergenza: "Gravissimo, così fate quello che volete senza regole e controlli"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Con quale faccia avete multato i commercianti che scendevano in piazza chiedendo aiuto in modo composto, con quale faccia chiudete le attività di chi non mantiene il distanziamento, con quale faccia rincorrevate le persone sulle spiagge e oggi consentite a migliaia di immigrati clandestini di entrare sul territorio italiano violando i nostri confini per poi violare la quarantena andandosene a zonzo anche quando sono contagiati”. Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, lo ha detto nell’Aula della Camera nel corso della discussione generale seguita all’informativa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla proroga dello stato d’emergenza al 31 ottobre.

“Con quale faccia- ha poi proseguito infervorata Meloni- Ci dite cosa diavolo state facendo, è da pazzi irresponsabili presidente Conte, perché noi abbiamo fatto sacrifici enormi per limitare il contagio, abbiamo condannato a morte decine di migliaia di attività, rischiamo milioni di disoccupati, e non renderemo tutto vano per la vostra furia immigrazionista. E non rida perché non c’è niente da ridere”

LEGGI ANCHE: Stato di emergenza fino a ottobre, Conte: “Liberticida? Affermazioni gravi”

“PROROGA GRAVISSIMA, TASSELLO DERIVA LIBERTICIDA”

“Quanto sta accadendo qui oggi è gravissimo”, è “un tassello di una deriva liberticida messa in atto dal governo”, ha detto ancora Meloni dopo l’informativa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla proroga dello stato d’emergenza al 31 ottobre. Il governo chiede la proroga “come se non vi fossero strumenti ordinari, come non vi fossero i decreti”, aggiunge Meloni.

Lo stato d’emergenza “vi consente di fare quello che volete senza regole e controlli“, dice Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, “mi spiace ma non si può fare più”. Infatti, “lo stato d’emergenza consolida il governo, è un fatto sociologico, si sa, in tutto il mondo quando arriva una minaccia esterna il popolo si stringe attorno al governo”, dice Meloni. “Se non aveste quel consenso indotto andreste a elezioni“, dice la presidente FdI, “ma sapete che quel consenso non è reale, è la paura che genera quel consenso, e non ne volete fare a meno”.

LEGGI ANCHE: Stato emergenza, il centrodestra attacca. Meloni: “Deriva liberticida”. Bernini: “Da Conte parole gravissime”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»