Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Tanti nemici, tanto onore”: Salvini cita il motto fascista

Salvini cita il celebre motto fascista in risposta agli attacchi ricevuti da Famiglia Cristiana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Tanti nemici, tanti onore”. Cosi’ il ministro dell’Interno Matteo Salvini commenta su Twitter un articolo sull’ondata di critiche nei suoi confronti, dalla copertina di ‘Famiglia cristiana’ alle prese di posizioni di artisti e intellettuali. Il motto, erroneamente attribuito a Giulio Cesare, è stato in realtà coniato dal condottiero tedesco Georg von Frundsberg (1473-1528), prima di diventare una delle frasi più celebri utilizzate durante il fascismo.

LEGGI ANCHE:

“Allarme razzismo invenzione della sinistra”? Ecco tutti gli episodi di violenza

Migranti, Famiglia Cristiana: “Vade retro Salvini”

Rom, Salvini: “Il problema sono i 30.000 parassiti che vivono nei campi”

Salvini: “In mare non c’era nessuno. Solo propaganda”

Salvini: “In Libia accoglienza d’avanguardia, nessuna tortura”

FRATOIANNI: SALVINI CITA MUSSOLINI, RAZZISTA E NOSTALGICO

“Che il ministro dell’Interno citi una frase di Benito Mussolini, proprio il giorno della nascita del dittatore che portò l’Italia alla rovina, la dice lunga sulla sua cultura politica, sul suo rispetto della Costituzione e della Repubblica italiana nata dalla Resistenza antifascista.
Da oggi lo potremo definire non solo razzista ma anche un nostalgico del fascismo”. Lo afferma in una nota il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali.

“Può stare certo- prosegue l’esponente di Leu- che continueremo con ancora più determinazione a combattere le sue idee e le sue scelte pericolose per l’Italia. I suoi alleati di governo del M5S assistono silenti o compiacenti a conclude Fratoianni- a questo cupio dissolvi della democrazia italiana. Ma forse da chi pensa che democrazia e Parlamento vadano superati non c’è da stupirsene”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»