Carceri, detenuto si suicida a Poggioreale: è il secondo in pochi giorni

Nel I semestre del 2018 ci sono stati ben 5.157 atti di autolesionismo, 46 morti naturali, 24 suicidi e 585 tentati suicidi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ha deciso di togliersi la vita uccidendosi nella sua cella della Casa Circondariale Poggioreale di Napoli dov’era detenuto perché condannato per vari reati.

“L’uomo, M.C., italiano di Torre del Greco, si è suicidato ieri. Era appellante con fine pena 2024 per reati legati alla legge stupefacenti, ristretto in regime di Alta Sicurezza: ha approfittato che i compagni di stanza erano al passeggio”. Lo racconta Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.

“Purtroppo- aggiunge- è il secondo caso di suicidio in pochi giorni nell’Istituto di Poggioreale, oltre a due morti naturali nelle carceri di Avellino e S.Maria Capua Vetere. La tragedia continua”.

Nel I semestre del 2018- riferisce il Sappe- abbiamo contato nelle carceri italiane ben 5.157 atti di autolesionismo, 46 morti naturali, 24 suicidi e 585 tentati suicidi sventati in tempo dagli uomini e dalle donne del Corpo di Polizia Penitenziaria. Solamente in Campania i suicidi sventati sono stati 48 in soli sei mesi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»