Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caldo torrido e poche piogge prosciugano il Po

fiume po
Il segretario dell'Autorità distrettuale Meuccio Berselli: "Siamo solo all’inizio di quella che si preannuncia come un'estate torrida e lunga, la cui situazione climatica può arrecare preoccupazioni all'intero Bacino Padano"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – La morsa della siccità torna a stringere il Po e i suoi sottobacini (il torrente Enza è ai minimi storici) dove, secondo l’Autorità distrettuale del Grande fiume, si registrano portate in calo fino al 30% in meno e una carenza idrica diffusa. In Emilia-Romagna sono sotto osservazione le zone di Ferrara, il piacentino e il parmense. Le criticità derivano soprattutto dalla mancanza di precipitazioni: rispetto ai 48 millimetri di pioggia attesi, si stima infatti ne siano caduti circa 20. rispetto ai 48 attesi (stime medie regionali ER su 2001-2020).

“Siamo solo all’inizio di quella che si preannuncia come un’estate torrida e lunga, la cui situazione climatica può arrecare preoccupazioni all’intero Bacino Padano”, dice il segretario dell’Autorità distrettuale Meuccio Berselli. “Se non si interviene repentinamente- aggiunge- simili periodi saranno sempre più frequenti: occorrono soluzioni che siano incisive per mitigare il rischio di queste prolungate endemiche siccità”.

LEGGI ANCHE: A Reggio Emilia simboli nazisti sull’officina di biciclette dell’ex partigiano

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»