Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Accordo Liguria-Piemonte: da lunedì richiami dei vaccini ai vacanzieri

vaccino imago
Per ottenere la seconda dose nella regione di villeggiatura è indispensabile una permanenza minima di due settimane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Da giovedì prossimo, 1 luglio, i piemontesi che passeranno almeno due settimane di vacanza in Liguria e i liguri che trascorreranno almeno 14 giorni di ferie in Piemonte potranno ricevere la seconda dose di vaccino anti Covid nella località di villeggiatura. Le modalità tecniche dell’accordo tra i due sistemi sanitari regionali sono state presentate oggi nel corso di una conferenza stampa.

“È il primo accordo tra Regioni che viene formalizzato e diventa operativo- sottolinea il governatore ligure, Giovanni Toti– è un aiuto in un momento in cui la campagna vaccinale sta rallentando, dopo l’entusiasmo iniziale e la vaccinazione delle categorie più fragili, un ulteriore passo verso la totale immunizzazione del Paese. Abbiamo risolto una preoccupazione dei cittadini per la seconda dose, facilitandoli e senza dover rinunciare ad abitudini di vita. Ed è un vantaggio per la campagna vaccinale: il nostro obiettivo è vaccinare più cittadini possibile, nel modo più comodo e agevole”.

Si stima che siano circa 250.000 i piemontesi che ogni estate passano le proprie vacanze in Liguria e circa 50.000 i liguri che vanno in Piemonte. Ma i numeri di chi sarà interessato da questa possibilità saranno decisamente minori. In ogni caso, è previsto un meccanismo di conguaglio delle dosi di vaccino utilizzate, in accordo con la struttura commissariale. “Portare il vaccino alle persone e non le persone al vaccino, appianare ogni ostacolo che possa frapporsi tra cittadino e vaccino è la strategia giusta”, afferma il governatore piemontese, Alberto Cirio. Per il momento, l’accordo sarà in vigore fino a metà settembre. “Adesso è più oneroso per la Liguria- riconosce Cirio- ma il mio impegno fin d’ora è di rinnovare l’accordo anche questo inverno, quanto i flussi saranno opposti, qualora la campagna vaccinale lo richiedesse”.

Per documentare la permanenza minima “fuori sede” per almeno due settimane basterà un’autocertificazione. I liguri diretti in Piemonte devono collegarsi al sito www.ilPiemontetivaccina.it, entrare nella sezione “Sei in vacanza in Piemonte?”, cliccare sul riquadro “Compila i dati ed invia” e inserire codice fiscale, numero della tessera sanitaria e del telefono mobile ed eventuale e-mail, il luogo e il periodo di permanenza durante la vacanza, la data della somministrazione della prima dose e il vaccino inoculato, la data indicativa del secondo appuntamento ricevuta dalla propria Asl, in modo che le aziende sanitarie piemontesi possano calendarizzare la prenotazione della seconda dose nel centro vaccinale più vicino e inviare così un messaggio di convocazione.

I piemontesi diretti in Liguria devono collegarsi a www.prenotovaccino.regione.liguria.it, cliccare sulla sezione dedicata, inserire gli estremi di tessera sanitaria e certificazione dell’avvenuta somministrazione della prima dose e scegliere tra le date e le sedi disponibili.

LEGGI ANCHE: Accordo per i richiami del vaccino tra Lombardia e Liguria, inviata bozza a Figliuolo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»