Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Comunali Varese, Salvini svela la carta Bianchi: sfiderà Galimberti

matteo_bianchi
'Molla la poltrona a Roma per sua la comunità, lo ringrazio'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Nicolò Rubeis

MILANO – A Varese sarà Matteo Bianchi il candidato sindaco per il centrodestra. Il deputato della Lega, già ex primo cittadino di Morazzone, raccoglie così il posto vacante lasciato da Roberto Maroni, l’ex governatore lombardo che qualche settimana fa aveva dovuto rinunciare alla sfida con l’attuale inquilino di Palazzo Estense, Davide Galimberti (esponente Pd a caccia del bis in autunno), per motivi personali. La benedizione arriva in mattinata dal leader del Carroccio Matteo Salvini, intervenuto a Gallarate in un punto stampa organizzato per inaugurare la campagna elettorale del sindaco uscente Andrea Cassani.

“Ringrazio Bianchi- dice Salvini- un parlamentare che fa il contrario di quello che fanno di solito i politici, mollando la poltrona a Roma per occuparsi della sua comunità a Varese“. Un uomo “di esperienza- continua il capo della Lega- che ha già fatto il sindaco e ha sostenuto in parlamento diversi progetti di legge per le famiglie e per le imprese”. Lo stesso Bianchi, su Facebook, si è detto pronto “a mettersi in prima linea” a disposizione della sua Varese, “per restituire con impegno e dedizione quanto la città mi ha donato”. Dopo “20 anni di gavetta locale senza nulla chiedere e un lavoro da deputato interpretato con impegno- insiste il candidato sindaco- rimetto tutto in discussione, puntando a un ruolo ben più complicato rispetto all’attuale”. Nel suo lungo post, il neocandidato, seppur “stimando umanamente” Galimberti, scalda i motori e lancia la sfida: “Non ci sarà mai nessun affronto personale nei suoi confronti- conclude- ma abbiamo visioni politiche differenti. Io mi sono sempre definito un ‘amministratore locale prestato alla politica nazionale’ e credo convintamente nel valore delle autonomie”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»