Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Regionali Calabria, de Magistris: “Parliamo a tutti, a chi non ha votato e ai delusi”

luigi de magistris
Lo dichiara alla Dire il candidato presidente Luigi de Magistris impegnato da giorni in una serie di incontri elettorali nelle piazze calabresi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Parliamo a tutti, a quella metà di elettori calabresi che non sono andati a votare, agli elettori di centrodestra che non si sentono rappresentati dai Mangialavori di turno, dai Tallini, Talarico, ai tanti giovani che stentano ad avere fiducia nella politica. Parliamo ai 5 stelle che sono stati ingannati da chi diceva mai con il Pd, con Renzi, Berlusconi, Salvini, e poi sono andati con tutti nell’ammucchiata politica. Ma anche quelli del Pd, stanchi di vedere traditi i valori della sinistra. Nel nostro programma troveranno i valori costituzionali che nei momenti difficili non appartengono ad una parte, ma sono patrimonio di tutti”. Così alla Dire il candidato presidente della Regione Calabria Luigi de Magistris impegnato da giorni in una serie di incontri elettorali nelle piazze calabresi. 

IN CALABRIA NON VEDO LA SINISTRA DI GOVERNO

“Io non la vedo la sinistra di governo in Calabria – confessa de Magistris -. Anzi sono quelli che si dicono di centrosinistra ma che hanno tradito i valori di sinistra ed è anche per questo che noi parliamo a tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»