In Lombardia mascherine obbligatorie fino al 14 luglio. Il 10 aprono le discoteche

A confermare la notizia è il presidente Attilio Fontana: "I dati vanno bene, ma è questione di precauzione"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – Mascherine obbligatorie ancora per 15 giorni in Lombardia. La notizia, già nell’aria, è confermata dallo stesso governatore lombardo Attilio Fontana, ospite a un evento al Palazzo delle Stelline, a Milano.

“Credo che continueremo perché è una questione di precauzione– spiega- visto che i numeri stanno andando bene”, e assicura come questa sia una decisione maturata dopo un confronto con gli esperti.

DALL’1 VIA AI CONRESSI, DAL 10 ALLE DISCOTECHE

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato una nuova ordinanza, valida da mercoledì 1 luglio a martedì 14 luglio, con la quale viene confermato l’obbligo di indossare mascherine o qualsiasi altro indumento a protezione di bocca e naso anche all’aperto, tranne nel caso di intense attività motorie o sportive. Restano in vigore anche le prescrizioni già previste per i datori di lavoro dai precedenti provvedimenti, tra cui l’obbligo di misurazione della temperatura di tutti i dipendenti e di comunicare tempestivamente i casi sospetti all’Ats di riferimento. Nel testo, poi, si specifica come Regioni e Province autonome, d’intesa con il ministero della Salute e dell’autorità di Governo delegata in materia di sport, abbiano preventivamente accertato la compatibilità di queste attività con l’andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori, in conformità con le linee guida dello stesso Dpcm. Infine, l’ordinanza prevede la riapertura di discoteche e sale da ballo dal 10 luglio, e “l’attività del ballo”, come si legge nel documento, sarà consentita esclusivamente negli spazi all’aperto. Via libera dall’1 luglio, invece, a congressi e manifestazioni fieristiche.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»