FOTO| VIDEO | A Bologna Xm24 in piazza, sfilano anche trattori contadini

A Bologna la manifestazione contro lo sgombero del centro sociale Xm24 dopo l'ultimo avviso di sfratto mandato dal Comune
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Musica, giocolieri e anche quattro trattori pronti a sfilare in corteo: sono quelli dei contadini di CampiAperti, protagonisti del mercato biologico che si tiene ogni giovedì in via Fioravanti 24. Si prepara a partire così, a Bologna, la manifestazione contro lo sgombero del centro sociale Xm24 dopo l’ultimo avviso di sfratto mandato dal Comune e che è scaduto ieri. Come da programma, i manifestanti si stanno radunando in piazza XX Settembre, dove il corteo punta a tornare stasera dopo un lungo circuito nel centro di Bologna.

Per ingannare l’attesa la piazza è animata da musicisti, trampolieri, giocolieri. C’è anche chi si esibisce in evoluzioni con il tessuto aereo, calato dalla balconata del Pincio. Almeno sei i camion e furgoni che si sposteranno insieme ai manifestanti, ognuno con un diverso tipo di musica. Sul tetto del mezzo che aprirà il corteo campeggia un grande drago bianco fatto di palloncini: è Falkor, il personaggio del film “La storia infinita”, che ispira la mobilitazione del centro sociale (“Contro il Nulla che avanza”).

Non mancano un bel po’ di carrelli della spesa pieni d’acqua, visto il caldo con cui dovranno fare i conti i manifestanti. “Siamo fuori… arrendetevi“, recita uno degli striscioni preparati per il corteo. L’Xm24 è “un presidio di utopia a cui non possiamo e non vogliamo rinunciare e che difenderemo fino all’ultimo giorno”, si urla dal sound system: “Invadiamo Bologna e ribaltiamo le decisioni dell’amministrazione, che ci vorrebbe già estinti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»