VIDEO | Odio contro Carola: “Spero ti violentino”. Video postato in diretta da Lega Lampedusa

Insulti, sfottò e frasi indecenti gridate dal molo all'indirizzo della comandante di Sea Watch. Il video è stato condiviso in diretta dalla Lega di Lampedusa che poi lo ha fatto sparire dalla pagina e dice: "Sarà stato qualche ragazzo su di giri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’odio vomitato dal vivo, registrato e orgogliosamente esibito sui social. Nel mirino la comandante della Sea Watch Carola Rackete al momento dello sbarco stanotte nel porto di Lampedusa. Il video è stato postato in diretta dalla pagina Facebook della Lega Lampedusa (ma ora non si trova più, quindi evidentemente è stato cancellato), raccoglie gli insulti lanciati da diverse persone presenti sulla banchina nei confronti della capitana. Nello stesso momento, al poto altre persone hanno accolto lo sbarco con applausi. Ma non è quello che si vede in questo video.

Salvini: “Atto di guerra da Sea Watch, si è rischiato il morto”

La pagina Fb della Lega di Lampedusa dove è stato lanciato il video in diretta

“Ciao crucca”, “spero che ti violentino sti negri, a quattro a quattro te lo devono infilare, ti piace il c… nigru”, urlano dalla banchina del porto. Gridano e ridono. “Ciao mamma”, dicono davanti ai telefonini. A un certo punto si sente una voce femminile dire: “Non parlate così”, ma l’odio non si ferma.

Poi, mentre Rackete scende dalla nave, si sentono distintamente fischi e insulti: “Venduta, venduta”, “le manette, le manette”, “zingara“, “cornuta, cornuta”, “criminali”. Seguono risate, e ancora: “Tossica“, “arrestiamola”, “ti devi vergognare“, “vattene in Olanda”.

Sea Watch attracca a Lampedusa, arrestata la comandante Carola. La nave sarà sequestrata

LEGA LAMPEDUSA: “CONDANNIAMO FRASI RAZZISTE, SARÀ QUALCHE RAGAZZO SU DI GIRI”

Sulla propria pagina Facebook, su cui compariva fino a stamattina il video postato in diretta in cui si sentivano i violenti insulti contro la comandante Carola Rackete, il circolo “Lega Lampedusa” si dice ora estraneo all’accaduto.

“La Lega Lampedusa- si legge in un post- vuole precisare che non ha niente a che fare con quelle frasi razziste e che condanniamo qualsiasi forma di razzismo. Noi non siamo contro gli immigrati, perchè purtroppo sono persone sfortunate, qualsiasi persona civile accoglierebbe una persona in difficoltà. Noi, oltre a qualsiasi forma di razzismo, condanniamo queste Ong, che a parer nostro, sono associazioni criminali che trafficano carne umana, guadagnando fior di quattrini grazie alle donazioni dei loro sostenitori e da chissà quali altre attività. Vogliamo un’immigrazione regolata e controllata, senza accettare criminali di altri Stati ma solo persone in seria difficoltà.

“Volevamo anche specificare che, questa notte, c’era una festa su una spiaggia e che molto probabilmente sarà stato qualche ragazzino su di giri. Siamo dispiaciuti ed amareggiati per questi tristi avvenimenti, il nostro obbiettivo era manifestare contro persone che disobbediscono alle leggi italiane e che fanno ciò che vogliono, proprio come hanno fatto sempre”.

E ancora: “Noi della Lega Lampedusa ribadiamo che prendiamo le distanze da questi soggetti e da queste frasi orribili, purtroppo non possiamo sapere e prevedere quello che diranno o faranno gli altri. Speriamo in un’Italia migliore e auguriamo a tutti i clandestini e ai poveri del Mondo, una vita migliore”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»