Ue, Conte: “Procedura infrazione va evitata ma noi sereni: abbiamo i conti in ordine”

Da Osaka, dove ha partecipato al G20, Conte torna a dirsi convinto che l'assestamento di bilancio eviti la procedura d'infrazione da parte della Ue. E ripete: "Non mercanteggiamo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente del consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa dopo il vertice del G20 a Osaka smentisce i retroscena che gli attribuiscono la volontà di usare il timing di un’eventuale procedura d’infrazione come mezzo per condizionare Matteo Salvini. “Ho imparato che il retroscena è un genere giornalistico in cui si mescolano fatti, opinioni, giudizi, fantasie… Ma sia chiara una cosa: per me la procedura d’infrazione va evitata subito. Senza ulteriore indugio“.

“Nella nostra valutazione” l’assestamento di bilancio “dovrebbe evitare” la procedura d’infrazione “ma non per magia o perchè c’è qualche espediente dell’ultima ora. Ma perchè lo abbiamo detto e ripetuto: i nostri conti sono in ordine. Ci sono tutte le condizioni perchè non ci sia mossa una procedura. Questa è la nostra forza”. Lo dice il presidente del consiglio Giuseppe Conte al termine del G20.

“Non mercanteggiamo”

“Questa non era la sede per condurre una trattativa. Non siamo qui a mercanteggiare, non abbiamo condotto una trattativa”, dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa al termine del G20 di Osaka a proposito della procedura d’infrazione. Il vertice, aggiunge il presidente del consiglio, “e’ stata un’ulteriore occasione di confronto con i partner. L’Italia ha un percorso ben chiaro. Abbiamo fatto il nostro, siamo sereni. Confidiamo che tutto vada bene”.

La foto di famiglia dal G20:


“Una ‘foto di famiglia’ d’eccezione, quella con i compagni di viaggio di questo G20 a Osaka: il mio staff, i collaboratori e gli amici dell’ambasciata italiana e del nostro consolato qui in Giappone. Il mio ringraziamento speciale a tutti per il lavoro svolto. In questi giorni, sempre”. Lo scrive su facebook il premier Giuseppe Conte.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»