Ue, Conte: “Procedura infrazione va evitata ma noi sereni: abbiamo i conti in ordine”

Da Osaka, dove ha partecipato al G20, Conte torna a dirsi convinto che l'assestamento di bilancio eviti la procedura d'infrazione da parte della Ue. E ripete: "Non mercanteggiamo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente del consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa dopo il vertice del G20 a Osaka smentisce i retroscena che gli attribuiscono la volontà di usare il timing di un’eventuale procedura d’infrazione come mezzo per condizionare Matteo Salvini. “Ho imparato che il retroscena è un genere giornalistico in cui si mescolano fatti, opinioni, giudizi, fantasie… Ma sia chiara una cosa: per me la procedura d’infrazione va evitata subito. Senza ulteriore indugio“.

“Nella nostra valutazione” l’assestamento di bilancio “dovrebbe evitare” la procedura d’infrazione “ma non per magia o perchè c’è qualche espediente dell’ultima ora. Ma perchè lo abbiamo detto e ripetuto: i nostri conti sono in ordine. Ci sono tutte le condizioni perchè non ci sia mossa una procedura. Questa è la nostra forza”. Lo dice il presidente del consiglio Giuseppe Conte al termine del G20.

“Non mercanteggiamo”

“Questa non era la sede per condurre una trattativa. Non siamo qui a mercanteggiare, non abbiamo condotto una trattativa”, dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa al termine del G20 di Osaka a proposito della procedura d’infrazione. Il vertice, aggiunge il presidente del consiglio, “e’ stata un’ulteriore occasione di confronto con i partner. L’Italia ha un percorso ben chiaro. Abbiamo fatto il nostro, siamo sereni. Confidiamo che tutto vada bene”.

La foto di famiglia dal G20:

“Una ‘foto di famiglia’ d’eccezione, quella con i compagni di viaggio di questo G20 a Osaka: il mio staff, i collaboratori e gli amici dell’ambasciata italiana e del nostro consolato qui in Giappone. Il mio ringraziamento speciale a tutti per il lavoro svolto. In questi giorni, sempre”. Lo scrive su facebook il premier Giuseppe Conte.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»