fbpx

VIDEO | Il rettore di Tor Vergata: “La didattica a distanza è un valore aggiunto per il futuro”

ROMA – “Dobbiamo trarre vantaggio dall’esperienza maturata in questo periodo. Per le universita’ tradizionali come la nostra, aumentare la didattica a distanza credo possa essere un valore aggiunto, soprattutto per venire incontro alle esigenze dei tanti studenti fuori sede che studiano. Si tratta di un modo per migliorare l’offerta didattica”. Cosi’ all’agenzia Dire, il rettore dell’Universita’ di Tor Vergata, Orazio Schillaci, a proposito del futuro della didattica a distanza nel secondo ateneo capitolino. 

A proposito della ripartenza a settembre, per cui e’ prevista una didattica ‘mista’ – una parte a on line, l’altra in presenza – il rettore ha aggiunto: “Come tutti gli altri atenei da marzo abbiamo impostato una didattica prevalentemente on line, dopo uno sforzo iniziale devo dire che ci siamo tolti grosse soddisfazioni. Siamo infatti riusciti ad erogare tutti i corsi con questa modalita’. Sono sicuro che quanto fatto potra’ tornare utile anche in futuro. Da settembre in accordo con la Crui, erogheremo una didattica mista, quale delle due modalita’ prevarra’ dipendera’ molto dai dati epidemiologici. Noi ci auguriamo che possano essere favorevoli ma e’ chiaro che procederemo con molta attenzione per la sicurezza di studenti e personale universitario. Siamo comunque pronti ad erogare sia in presenza e che a distanza“. 

DIDATTICA A DISTANZA FRENERÀ CALO ISCRITTI

“Nel decreto rilancio il ministero dell’Universita’ ha messo a disposizione fondi per studenti che hanno minor reddito, per il diritto allo studio. Nonostante cio’ anche noi ci aspettiamo – come paventato dal ministro Manfredi – un calo degli iscritti. Credo tuttavia che erogare didattica a distanza possa essere un modello utile per frenare in parte il possibile calo di immatricolazioni a causa della grave crisi economica“. Cosi’ il rettore dell’Universita’ di Tor Vergata commenta le parole del ministro dell’universita’, Gaetano Manfredi secondo il quale, a la crisi economica post Covid, potrebbe causare una contrazione degli iscritti all’universita’ nel prossimo anno accademico. 

Tuttavia, secondo il rettore, non e’ auspicabile un depotenziamento della didattica in presenza, a favore di quella a distanza, nonostante l’utilita’ di quest’ultima durante l’attuale crisi sanitaria: “Io mi ritengo fortunato ad essere un professore universitario proprio perche’ questo lavoro e’ fatto di scambi tra studenti e docenti, la didattica in presenza non deve quindi essere depotenziata. Ritengo che, almeno in questa fase, la didattica a distanza possa essere un supporto, ma man mano che si tornera’ alla normalita’ la parte in presenza andra’ privilegiata rispetto a quella online”. 

TEST INGRESSO IN MASSIMA SICUREZZA

Sui test d’ingresso, “seguiremo le indicazioni ministeriali. Mi auguro che da qui a settembre possano esserci ulteriori allentamenti delle misure restrittive, noi ci prepareremo per garantire la massima sicurezza nello svolgimento dei test, assicurando la distanza tra un candidato e l’altro, metteremo i presidi per il lavaggio delle mani e vedremo se sara’ utile avere la mascherina e sanificheremo gli ambienti. Sono sicuro che riusciremo a svolgere i test nella massima sicurezza”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

29 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»