Coronavirus. La Grecia riapre a 29 paesi, ma non all’Italia

L'elenco sarà aggiornato il primo luglio, vietati gli ingressi fino a quella data
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Grecia ha annunciato l’elenco di 29 paesi da cui accettera’ i turisti quando i voli internazionali riprenderanno ad Atene e Salonicco il 15 giugno. Tra questi non c’e’ l’Italia.

I paesi sono Albania, Australia, Austria, Macedonia del Nord, Bulgaria, Germania, Danimarca, Svizzera, Estonia, Giappone, Israele, Cina, Croazia, Cipro, Lettonia, Libano, Lituania, Malta, Montenegro, Nuova Zelanda, Norvegia, Corea del Sud, Ungheria, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca e Finlandia. 

L’elenco, riportato dal sito del quotidiano Ekathimerini, e’ stato compilato dopo aver esaminato i dati epidemiologici di ciascun Paese e tenuto conto degli annunci dell’Agenzia dell’unione europea per la sicurezza aerea (Easa), nonche’ della raccomandazione del comitato per le malattie infettive.

I visitatori dei suddetti Paesi saranno soggetti a controlli in loco all’aeroporto. Per tutti gli altri Paesi, gli attuali divieti di viaggio della Grecia continueranno ad applicarsi, tuttavia l’elenco verra’ aggiornato e ampliato a partire dal 1° luglio.

Inoltre, le esclusioni attuali riguardano la provenienza del volo e non la nazionalita’ del viaggiatore. Le autorita’ greche monitoreranno lo sviluppo del virus e modificheranno di conseguenza le sue raccomandazioni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»