FOTO | VIDEO A Roma la protesta degli avvocati: “Riaprire tribunali”

Appello a Bonafede: 'Fermi al palo, raccolga nostro grido dolore'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print









Previous
Next

ROMA – Un grosso striscione con la scritta ‘Comitato Giustizia sospesa’ campeggia dalle 12 sulla scalinata del Palazzaccio, lato piazza Cavour, all’ingresso della Corte di Cassazione. È la protesta organizzata dall’Ordine degli avvocati di Roma contro il fermo continuato dell’attivita’ giudiziaria: indossando toghe e mascherine, dopo aver intonato l’inno di Mameli i legali capitolini hanno gettato le proprie copie dei codici civili e penali ai piedi del palazzo. Un flash mob di pochi minuti ma che, nonostante la pioggia battente, ha visto centinaia di partecipanti riunirsi per sensibilizzare il Governo e il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a una veloce ripresa delle attivita’ dei tribunali. “È una protesta spontanea contro la lentezza della ripresa della macchina giudiziaria. È incredibile che nel nostro Paese riparta addirittura il campionato di calcio ma la giustizia resti al palo”, ha spiegato in piazza il presidente dell’Ordine degli avvocati di Roma, Antonino Galletti. “Noi avvocati siamo pronti per tutelare i diritti e le liberta’ dei cittadini e vogliamo farlo in condizioni di sicurezza, in aule idonee e con il personale necessario per garantire il servizio della giustizia nel nostro Paese. Speriamo che il ministro raccolga questo grido di dolore che oggi arriva dall’avvocatura italiana”, ha concluso Galletti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»