Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Addio movimento, il M5s diventa un vero partito

Su Di Maio militanti saranno chiamati ad esprimersi sulla piattaforma Rousseau. Non ci saranno sorprese e il Governo andrà avanti. Ma già si profila uno scoglio...
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Arriva oggi la lettera da Bruxelles con le critiche alla politica economica del Governo Lega-M5S. Entro 48 ore il ministro Tria dovrà rispondere e, soprattutto, convincere. Altrimenti arriverà la ‘punizione’: miliardi di euro da trovare subito per pareggiare i conti. Capitan Salvini ha già deciso di attaccare a muso duro i burocrati dell’austerità, con l’obiettivo di arrivare, addirittura, a sforare il 3% del rapporto deficit/pil e trovare così i miliardi necessari per ‘sterilizzare’ l’Iva.

Sull’asse Lega-M5S, dopo la stravittoria leghista e la batosta ‘grillina’, i due alleati hanno ribadito la fiducia al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Ma i rapporti restano tesi. In casa M5S stasera Di Maio si presenterà davanti ai gruppi parlamentari e lì ci sarà un primo giudizio sulla disfatta elettorale. Già il senatore Paragone (leggi Di Battista, ndr) ieri ha messo sotto accusa Di Maio per le troppe cariche. Di Maio oggi ha subito risposto: “Io non scappo… Non mi sono mai sottratto ad alcuna responsabilità, ho sempre messo la faccia a differenza di alcuni sono sei anni che non mi fermo”. La secca replica a Di Battista o a chi per lui. Stasera stando ad alcune indiscrezioni, Di Maio potrebbe mettere sul piatto le sue dimissioni. Su questo già domani i militanti saranno chiamati ad esprimersi sulla piattaforma Rousseau. Non ci saranno sorprese e il Governo andrà avanti. Ma già si profila uno scoglio: domani arriverà la sentenza sul sottosegretario della Lega, Edoardo Rixi. Salvini ha detto che non si dimetterà, Di Maio stavolta ingoierà il rospo? Di Maio ai gruppi rilancerà la riforma organizzativa, con la creazione di un ‘direttorio’ – cinque o sei persone rappresentative delle diverse anime, meglio dire correnti, e l’indicazione dei coordinatori regionali. Insomma il Movimento sparisce e nasce un vero e proprio partito strutturato sul territorio. Basterà a resistere alla Super Lega?

LEGGI DIREOGGI | EDIZIONE DEL 29 MAGGIO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»