Roma, svolta a Balduina: presto abbattuta l’ex clinica degli orrori

La San Giorgio versa in condizioni di degrado estremo, documentato dalla Dire. Ora la svolta: diventerà una palazzina residenziale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – A Roma sembra essere vicina una svolta per la fatiscente ex clinica San Giorgio alla Balduina, edificio in condizioni di degrado estremo con presenza di amianto e teatro di diverse occupazioni di senza fissa dimora.

Questa mattina nel corso della commissione Trasparenza è stato comunicato che la proprietà, la Lapo srl, ha ottenuto il permesso a costruire con relativo cambio di destinazione d’uso. E la società avrebbe fatto sapere informalmente al XIV Municipio di essere pronta ad avviare i lavori tra pochissimo tempo, “appena si stabilizzeranno le condizioni meteo”.

L’agenzia Dire aveva effettuato un sopralluogo nel palazzo di viale delle Medaglie d’oro 142 nel 2017 denunciandone le condizioni di pericolosità e di disagio sociale vista la presenza interna di persone che vivevano in condizioni estreme, tra rifiuti di tutti i tipi ed escrementi. Ora qualcosa si muove.

Alla Balduina l’ex clinica San Giorgio è una bomba all’amianto vicina a due scuole

L’edificio, secondo il permesso a costruire 67/55614 del 28 marzo 2019, sarà completamente demolito e ricostruito con un premio di cubatura. Il presidente del XIV Municipio Alfredo Campagna, contattato dalla Dire, ha fatto sapere che “sarà realizzata, al suo posto, una palazzina residenziale“. I lavori sarebbero imminenti.

Secondo quanto fatto sapere da funzionari della Polizia locale del XIV Municipio, intervenuti nel corso della commissione di questa mattina, sarebbe stato fatto “un sopralluogo con i rappresentanti Lapo srl pochi giorni fa da cui è emerso che il cantiere di abbattimento e ricostruzione potrebbe partire a breve. Ci è stato detto- hanno aggiunto- che i lavori non sono iniziati solo per problematiche relative al maltempo e che appena si ripristineranno le condizioni meteo il cantiere potrà partire. Secondo il permesso a costruire i lavori dovranno comunque essere avviati, pena decadenza dello stesso permesso, entro un anno dalla concessione, ovvero entro il 28 marzo 2020. Inoltre non potranno durare più di tre anni. Se tutto va bene, dunque, l’ex clinica degli orrori della Balduina, con il suo tetto di amianto e il suo carico di estremo degrado, a breve potrebbe non esistere più. Per monitorare l’effettivo svolgimento dei lavori il presidente della commissione Trasparenza del Comune di Roma, Marco Palumbo, ha fatto sapere che la stessa commissione sarà riconvocata sul tema il 28 giugno, ad un mese da oggi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»