Tg Riabilitazione, edizione del 29 maggio 2019

https://www.youtube.com/watch?v=mTUwe_yYGYc&feature=youtu.be VADALA' (UCBM ROMA): ARRIVA TRATTAMENTO RIGENERATIVO PER LOMBALGIA CRONICA Oltre 700 milioni di persone ogni anno nel mondo soffrono di lombalgia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VADALA’ (UCBM ROMA): ARRIVA TRATTAMENTO RIGENERATIVO PER LOMBALGIA CRONICA

Oltre 700 milioni di persone ogni anno nel mondo soffrono di lombalgia cronica, una patologia che è la principale causa di disabilità e morbilità. I costi correlati sono molto elevati, quelli diretti per assistenza sanitaria e indiretti per assenza dal lavoro o ridotta produttività. Una risposta arriva dal progetto di ricerca, premiato dal ministero della Salute, per la lombalgia cronica dell’Università Campus Bio-medico di Roma (UCBM) che si pone l’obiettivo di valutare l’efficacia del trapianto intradiscale di cellule staminali e stromali mesenchimali autologhe in pazienti con degenerazione del disco intervertebrale. A spiegare la procedura e l’efficacia della metodica all’agenzia Dire è Gianluca Vadalà, ricercatore universitario UOC di Ortopedia dell’UCBM di Roma.

AISM: SCLEROSI MULTIPLA ERA ‘MISTERIOSA’, OGGI CERCHIAMO CURA

“La ricerca ha fatto passi da gigante in questi anni. Fino a qualche anno fa si parlava della sclerosi multipla come della malattia misteriosa, oggi molti di questi misteri sono stati indagati. Ad oggi abbiamo a disposizione molte armi come i farmaci e la riabilitazione. Non abbiamo ancora a disposizione, purtroppo, la cura definitiva: ecco perche’ raccogliamo fondi per far andare avanti la ricerca che per il 70% viene finanziata dalla fondazione italiana sclerosi multipla”. Cosi’ alla Dire Angela Martino, presidente dell’associazione italiana Sclerosi multipla (Aism), a Napoli in occasione di uno degli appuntamenti inseriti nella Settimana nazionale della sclerosi multipla.

APP IN 3D PER ICTUS E INFARTI: PREMIO A POLICLINICO BARI

Una app che consente al medico specialista di osservare a distanza, direttamente su uno schermo in 3D, il paziente colpito da infarto o ictus, i suoi dati clinici e la Tac appena effettuata, risparmiando così il tempo prezioso e necessario per il suo spostamento in emergenza. È la Mixed reality, la nuova tecnologia che consente di far interagire e coesistere in tempo reale mondo fisico e virtuale, che applicata alla Telecardiologia consente di salvare vite, facendo risparmiare tempo e denaro. A sperimentarla con successo è stata l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Consorziale Policlinico di Bari, che ha ricevuto il ‘Premio Fiaso per l’innovazione digitale in sanità’.

LILT-AIFI A SABAUDIA PER RIABILITAZIONE TUMORE AL SENO

Più informazione sulla riabilitazione delle donne operate di tumore al seno. Si e’ svolta a Sabaudia, in provincia di Latina, la prima edizione dell’evento formativo ‘Dall’intervento chirurgico per il tumore al seno alla stabilizzazione degli esiti’, organizzato in seguito della sottoscrizione del protocollo d’Intesa tra Lilt(Lega Italiana per la lotta contro i tumori) e Aifi (Associazione Italiana Fisioterapisti). Il progetto vuole rispondere alle esigenze riabilitative della donna operata di carcinoma al seno in maniera piu’ specifica ed efficace, potenziando la fondamentale figura del fisioterapista e orientando al meglio la strategia più appropriata ad ogni fase del percorso di cura: dagli esiti chirurgici fino alla stabilizzazione degli stessi.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»