Governo, nel Pd ipotesi elezioni entro la fine di luglio

Marcucci: "Per estero basta un decreto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Andare al voto prima della pausa estiva. E’ l’indicazione che prende corpo nel Pd, dove a proporla e’ stato il ministro della giustizia Andrea Orlando: “Io spero si trovi una convergenza fra le forze politiche per andare a votare il prima possibile, entro la fine del mese di luglio”, ha detto Orlando ai microfoni di Tagada’ su La7.
A quanto si apprende l’ipotesi e’ stata presa in considerazione anche nel corso della riunione dei gruppi alla Camera e al Senato. Comporterebbe lo scioglimento delle Camere subito dopo la probabile sfiducia al governo Cottarelli.

MARCUCCI: “OK A VOTO ENTRO LUGLIO, PER ESTERO BASTA UN DECRETO”

“Se c’e’ l’accordo si puo’ fare. Evidentemente dopo la fiducia deve esserci subito lo scioglimento delle Camere” se si vuole arrivare al voto entro la fine di luglio. Lo dice il presidente del gruppo Pd al Senato Andrea Marcucci. Ma per risolvere i problemi legati al voto degli italiani all’estero? “Il governo puo’ fare un decreto”, risponde Marcucci.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»