Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il parco scultura “La Palomba”, arte antropologica nel tufo /FOTOGALLERY

Il Parco Scultura nasce in una cava di tufo esaurita a Matera da un idea dell’artista Antonio Paradiso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Parco Scultura “La Palomba” di Matera – collocato nel Parco archeologico storico naturale delle Chiese rupestri di Matera e Montescaglioso – viene definito da chi l’ha realizzato “opera antropologica”.

L’ideatore è Antonio Paradiso, artista pugliese formatosi alla scuola di Marino Marini: del grande scultore e pittore pistoiese, Paradiso fu allievo durante gli anni di apprendistato nell’Accademia di Brera di Milano.

Paradiso, classe 1936, ha viaggiato molto, e si è mosso per due decenni tra Sahara e Africa tropicale, approfondendo i propri studi di paleoantropologia proprio per fondare su un consistente terreno scientifico il proprio lavoro artistico.

Il Parco Scultura “La Palomba” si sviluppa nei sei ettari di una vecchia cava di tufo, materiale che ha caratterizzato per secoli la storia architettonica della bella città dei Sassi. Si snoda in un percorso disseminato di sculture realizzate da Paradiso prevalentemente in acciaio e pietra calcarea.

Il Parco ospita periodicamente esposizioni temporanee di artisti internazionali.

Photos via:
www.visitmatera.it/parco-scultura-la-palomba.html

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»