Calcio, la finale di Coppa Italia sarà aperta al pubblico

Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa annuncia che il Mapei Stadium di Reggio Emilia che il 19 maggio ospiterà Atalanta-Juventus sarà aperto al 20% della capienza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Via libera alla riapertura degli stadi italiani ai tifosi. “La finale di Coppa Italia Atalanta-Juventus, prevista per il 19 maggio al Mapei Stadium di Reggio Emilia, sarà aperta al pubblico”. Lo annuncia il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. “Dopo essermi confrontato con il ministro Roberto Speranza, confermo la disponibilità del Governo ad aprire lo stadio ai tifosi al 20% della capienza. Il Cts in queste ore sta studiando il protocollo per permettere agli spettatori di raggiungere e seguire la partita in sicurezza nel pieno rispetto della normativa anti-Covid. Dopo aver dato il via libera agli Europei con una presenza di tifosi pari al 25% – prosegue Costa – ho sostenuto sin da subito la possibilità di poter consentire l’accesso al pubblico con percentuali inferiori anche ad altri eventi sportivi, come la finale di Coppa Italia e la finale degli Internazionali di tennis del 16 maggio a Roma. Saranno test importanti in vista delle partite dell’Europeo di calcio che si terrà anche a Roma. Un segnale fondamentale per il mondo dello sport tutto – conclude Costa – che ancora una volta fa da apripista nell’indicare le date per un ritorno graduale alla vita normale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»