Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Zan: “Ddl contro l’omofobia verrà approvato. Ma presidente in commissione non è super partes”

alessandro zan
"Spero che senatori e senatrici approvino questa legge il prima possibile", ha detto il deputato del Partito democratico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Che percentuale darei all’approvazione del Ddl Zan? Non posso fare una percentuale precisa ma penso verrà approvato”. A parlare, ospite di ‘Un Giorno da Pecora‘, su Rai Radio1, è Alessandro Zan, deputato del Partito Democratico.

“L’atteggiamento del presidente della commissione Giustizia finora purtroppo non è stato molto super partes. Spero che invece dimostri di esserlo, visto si è auto incoronato relatore. E spero che senatori e senatrici approvino questa legge il prima possibile, senza ripetere le scene tristi che ho visto in commissione Giustizia alla Camera”, ha aggiunto il deputato Pd.

LEGGI ANCHE: Calendarizzato in commissione giustizia il ddl Zan

Il centrodestra non sembra esser favorevole al suo disegno di legge. A suo avviso i suoi leader sono omofobi? “Non penso siano omofobi, ma non mi pare un gesto nobile della politica utilizzare questi argomenti per fare campagna politica”.

Come pensa che Mario Draghi accoglierà il ‘suo’ Ddl? “La storia di Draghi è chiara: è vissuto nelle istituzioni europee, dove sono molto avanti su queste tematiche, e credo che questo lo porti dalla parte dei diritti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»