VIDEO | Woody Allen torna in sala, ‘Rifkin’s festival’ dal 6 maggio al cinema

Una nuova pungente commedia sull'amore con Wallace Shawn, Gina Gershon, Louis Garrel e Christoph Waltz. Con la fotografia di Vittorio Storaro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le sale italiane riaprono e festeggiano con l’uscita dell’ultima pellicola di Woody Allen. A due anni dal successo di ‘Un giorno di pioggia a New York’, arriva la sua nuova pungente commedia sull’amore, scritta e diretta dallo stesso Allen, dal titolo ‘Rifkin’s Festival’. La pellicola – una coproduzione Italia-Spagna realizzata da The Mediapro Studio, Gravier Productions e Wildside – debutterà esclusivamente nei cinema italiani il 6 maggio, distribuita da Vision Distribution, per festeggiare la riapertura nazionale.

“Realizzare Rifkin’s Festival è stata una grande gioia, soprattutto grazie a Vittorio Storaro e alla sintonia che ci ha legati durante le riprese. Spero che questo film, in un periodo così difficile, restituisca al pubblico il grande piacere di tornare in sala”, ha dichiarato Allen. L’uscita in sala era stata programmata l’autunno scorso e il suo arrivo nelle sale italiane è un segnale forte di rilancio che Vision Distribution desidera trasmettere e condividere con tutti coloro ai quali il cinema in sala è mancato tanto a lungo. “Vision è orgogliosa di essere la prima distribuzione italiana a ripartire con un film della portata di Rifkin’s Festival, proposto in prima assoluta e in esclusiva per le sale cinematografiche, nonostante la limitazione dell’orario per il coprifuoco”, ha commentato Massimiliano Orfei, COO di Vision Distribution.

“Ci auguriamo che questo splendido film possa contribuire a dare un impulso decisivo ad una riapertura significativa delle sale e ad un veloce ritorno alla normalità del mercato. Il nostro ringraziamento va a Woody Allen- ha continuato- che ha accettato con entusiasmo questa sfida, e a Wildside che ha coprodotto il Film e che ha pienamente condiviso la nostra scelta distributiva. A partire da Rifkin’s Festival e, senza interruzioni, nel corso di tutta l’estate, Vision farà uscire nelle sale, sempre in esclusiva, molti altri film, con una grande sorpresa che stiamo preparando per il mese di agosto. Siamo convinti che questo non è il momento delle esitazioni ma quello delle scelte coraggiose”.

RIFKIN FESTIVAL, DI COSA PARLA IL NUOVO FILM DI WOODY ALLEN

“Mort Rifkin (Wallace Shawn, che ha lavorato molte volte con Allen fin dai tempi di ‘Radio Days’) è un ex professore e un fanatico di cinema sposato con Sue (Gina Gershon), addetta stampa di cinema. Il loro viaggio- si legge sulla sinossi- al Festival del cinema di San Sebastian, in Spagna, è turbato dal sospetto che il rapporto di Sue con il giovane regista suo cliente, Philippe (Louis Garrel), oltrepassi la sfera professionale. Il viaggio è però per Mort anche un’occasione per superare il blocco che gli impedisce di scrivere il suo primo romanzo e per riflettere profondamente. Osservando la propria vita attraverso il prisma dei grandi capolavori cinematografici a cui è legato, Mort scopre una rinnovata speranza per il futuro. Con il suo consueto surreale umorismo, Woody Allen mescola situazioni al limite dell’assurdo con storie dall’intreccio romantico a tratti amare”.

Nel cast anche Elena Anaya, Sergi Lopez e Christoph Waltz. Il direttore della fotografia è Vittorio Storaro, la scenografia è di Alain Bainee, il montaggio di Alisa Lepselter, i costumi di Sonia Grande e le musiche di Stephane Wrembel.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»