Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Conte lancia il nuovo M5s: “Presto un grande evento. No all’alleanza col Pd”

conte letta
L'ex premier annuncia che nei prossimi giorni verrà data "una chiara identità politica" al Movimento 5 stelle, elogia Letta ma dice no a una alleanza a tutto tondo con i dem
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ormai i tempi sono maturi e nei prossimi giorni ci sarà un grande evento per coinvolgere gli iscritti e discutere sullo statuto e sulla carta valori e per dare una chiara identità politica al Movimento 5 stelle e comunicare al Paese intero il grande entusiasmo e la nostra voglia di rinnovare il ruolo di questa forza politica che negli ultimi anni ha contribuito a innovare il panorama politico italiano”. Lo ha annunciato Giuseppe Conte durante il Festival del Lavoro. E sul suo ruolo nel Movimento che verrà, l’ex premier ha spiegato: “Il mio desiderio è dare un contributo, se mi verrà riconosciuto un ruolo all’interno del M5s, e offrire un programma serio e articolato per l’innovazione del Paese. Rimpianti? Nessuno, cerco sempre di impegnarmi nelle cose che faccio quindi difficilmente lascio strascichi e rimpianti”.

“LETTA INTERLOCUTORE AFFIDABILE MA NO AD ALLEANZA A TUTTO TONDO”

“I rapporti con il Pd sono stati sperimentati durante il governo Conte 2. Oggi in Enrico Letta ho un interlocutore molto affidabile e sarebbe un peccato se non si riuscissero a concordare alcuni passaggi insieme anche in vista delle comunali“. Così il leader in pectore del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte sulle discussioni in corso con il Partito democratico in vista delle amministrative d’autunno. Ma l’ex presidente del Consiglio, pur sottolineando l’importanza del rapporto con il nuovo segretario del Pd, ha chiuso a un accordo strutturale: “I tempi per un’alleanza a tutto tondo non sono ancora maturi“.

“COPRIFUOCO CON IL CALDO NON È RAGIONEVOLE”

“Le mozioni di sfiducia a Roberto Speranza, un politico così serio e responsabile, sono propaganda, dovremmo allora promuovere mozioni di sfiducia per tutti gli esponenti sia di maggioranza che di opposizione, che un giorno dicevano apriamo e un giorno chiudiamo. Ho sentito anche gli esponenti dell’opposizione dire tutto e il contrario di tutto“. Lo ha dichiarato Giuseppe Conte nel corso del Festival del Lavoro. L’ex premier è anche tornato sulla battaglia politica sulle riaperture e sull’abolizione del coprifuoco: “Non può diventare un totem ideologico, tutti vorremmo le riaperture ed è facile dire ‘riapriamo tutto’, ma non credo ci sia una persona che dica di voler tenere il Paese chiuso anche se non ci sono evidenti pericoli. Ma si deve procedere secondo criteri che sono stati seguiti dall’inizio. Tuttavia immaginare il coprifuoco anche ora che inizierà il caldo non credo sia ragionevole – ha sottolineato Conte – e credo nessuno lo stia pensando”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»