“E-government. La trasformazione digitale dei servizi al cittadino”: continuano i webinar di Unint

Va avanti il ciclo di webinar #unintervistacon organizzato dall’Università degli studi internazionali di Roma (Unint)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un ciclo di webinar con interviste a esperti con un orizzonte globale e sociale, ai tempi del Covid-19: a proporlo l’Università degli studi internazionali di Roma (Unint).

Il secondo appuntamento del ciclo di webinar sarà “E-government. La trasformazione digitale dei servizi al cittadino” e si terrà in diretta streaming giovedì 30 aprile 2020 alle ore 16:00 e consisterà in un’intervista a Paolo Piccini, Amministratore Delegato di “Liguria Digitale”, a cura di Arturo Danesi, docente UNINT di Startup e innovazione.

La partecipazione è libera e aperta a studenti, genitori, professori e in generale tutti coloro che sono interessati. A ospitare #unintervistacon la Facoltà di Economia dell’Università degli studi internazionali.

Il ciclo, identificato con l’hashtag #unintervistacon, è concepito come dialoghi tra docenti dell’ateneo ed esperti selezionati con l’obiettivo di continuare ad alternare le lezioni frontali a seminari tenuti da esponenti del mondo delle imprese e delle istituzioni.

Ecco gli argomenti che saranno trattati nel webinar:

  • Focus sui big data
  • L’emergenza come spinta alla digital transformation e il ruolo delle società pubbliche.
  • Le infrastrutture digitali in Italia e il digital divide: un fatto anche culturale.
  • Dallo sviluppo delle infrastrutture ai servizi digitali per imprese e cittadini: qualche esempio per capire in concreto cosa stiamo facendo per il Paese.
  • I principi che improntano la progettazione dei servizi della pubblica amministrazione: dal digital by default all’inclusività, dall’once only all’interoperabilità e i nuovi servizi per l’emergenza.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»