Coronavirus, campeggi Emilia-Romagna a Regione: “Da noi vacanze sicure”

Le associazioni dei gestori dei campeggi e villaggi turistici dell'Emilia-Romagna hanno mandato alla Regione "le procedure di sicurezza" che sono pronte ad applicare
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – “La stagione deve ripartire al più presto, permettendo alle persone di spostarsi e riprendere a viaggiare. Noi saremo pronti offrendo, anche in questo contesto emergenziale, una vacanza all’aria aperta sicura”. Le associazioni dei gestori dei campeggi e villaggi turistici dell’Emilia-Romagna, Assocamping-Confesercenti e Faita-Confcommercio, hanno presentato alla Regione “le procedure di sicurezza” da adottare nelle proprie strutture ricettive per la gestione e l’accoglienza degli ospiti, chiedendo di conoscere “al più presto” la data per la loro riapertura.

LEGGI ANCHE: Pasti all’ombrellone o in stanza, l’Emilia-Romagna prova a salvare l’estate

Incalzano i due presidenti, Monica Saielli di Assocamping e Franco Vitali di Faita: “Intendiamo aprire campeggi e villaggi turistici con tutti gli accorgimenti gestionali, organizzativi e strutturali che rendano sicuri il lavoro dei nostri collaboratori e la permanenza dei nostri ospiti. Le misure proposte interpretano al meglio le esigenze e le richieste di sicurezza che saranno fondamentali per affrontare la fase 2″.

I campeggi e i villaggi turistici, continuano le associazioni, “sono tipicamente caratterizzati da grandi spazi, aperti e chiusi, individuali e collettivi, e da un elevato rapporto ospite-metri quadrati disponibili (almeno 30 metri quadri per ospite e 120 per ogni nucleo familiare o equipaggio formato da quattro persone)”. E quindi, spronano Saielli e Vitali, “con le opportune implementazioni organizzative e la formazione specifica degli addetti è possibile gestire la struttura facendo rispettare le misure di distanziamento, evitando ogni assembramento e realizzando l’equilibrio necessario per garantire l’erogazione del servizio in condizioni di sicurezza e sostenibilità, senza snaturarne le caratteristiche, contemperando le esigenze di una accurata accoglienza con quelle della tutela della salute, nostra e degli ospiti”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’appello da Rimini e Ravenna: “Così il governo uccide la stagione estiva”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»